Dal silenzio delle campagne. Tori, mucche, diavoli, contadini, drogati, mercanti di donne e serial-killer: scene e raccontini in versi

Ferdinando Camon

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 1998
In commercio dal: 6 novembre 1998
Pagine: 118 p.
  • EAN: 9788811620334
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,18

€ 4,18

€ 7,75

4 punti Premium

€ 6,59

€ 7,75

Risparmi € 1,16 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    13/06/2014 07:16:56

    Venuto dalle campagne, poiché lì vi è nato da famiglia contadina, l'ormai inurbato Camon, affrancato dal percorso di studi effettuato e dall'attività di insegnante che nulla ha a che fare con il mondo rurale, in un'epoca in cui quella millenaria civiltà dei lavoratori dei campi si è conclusa, volge lo sguardo all'intorno sui nuovi comparsi (gli agricoltori), ma anche suscitando il ricordo di un tempo passato e che mai più ritornerà. Nasce così questa raccolta di poesie, mai cedevoli al lirismo, ma volte, come è scritto anche nel sottotitolo, a riportare in versi raccontini del mondo agreste, alla luce anche di nuovi eventi che si innestano in una realtà sorta forse confusamente, ma che é la civiltà del benessere, in cui non si soffre più la fame, si fatica meno, ma anche si vive alla giornata, depauperati dalle radici di un passato e perciò figli di nessuno. Da quest'opera esce un quadro della grettezza propria dei nuovi agricoltori, travolti dall'idea di far sempre più soldi, orfani del senso della famiglia, della religione e anche della patria. E qui non vorrei che qualcuno pensasse che gli antichi richiami nazionalisti e fascisti di Dio, patria e famiglia fossero il nocciolo di tutta l'opera, perché si sbaglierebbe di grosso. Aggiungo che è uscito in questi giorni, edito sempre da Garzanti, l'ebook "Dal Silenzio delle campagne" (Euro 4,90), comprendente anche la silloge "Liberare l'animale" di fatto totalmente irreperibile in forma cartacea. L'ambientazione di queste poesie è sempre il mondo contadino, ma si aggiunge un'ulteriore finalità, rappresentando una coscienza storica di quanto avvenuto in un ancor non lontano passato. Sono scampoli di ricordi di vita vissuta, con ritratti anche struggenti, come in Mia madre, oppure versi che straziano, che segnano le carni, che incidono l'anima come quella che dà il nome all'intera silloge, dall'immensa profondità e con una chiusa che da sola vale l'intera opera. Da leggere entrambi, non ve ne pentirete.

Scrivi una recensione