Editore: Mondadori
Edizione: 8
Anno edizione: 1998
Formato: Tascabile
Pagine: 408 p.
  • EAN: 9788804447894
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,40

€ 5,40

€ 10,00

5 punti Premium

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberto

    01/07/2007 14:48:41

    Le pagine di questo bel libro mostrano l'importanza della cultura e civiltà indiane per Hermann Hesse.La vita di un artista scrittore sensibile ed autentico,ha il suo fulcro e maggior interesse nella civiltà indiana,così ricca di sublimi arti e pensieri. La sensibilità che ne emerge è quella di un uomo abbastanza profondo e dalle grandi esperienze umane ed anche spirituali arricchito e in parte costituito nel suo essere dalla forza della religiosità polimorfica e variegata indiana. Agli inizi del '900 l'India come meta di viaggio naturalistico ed esotico è senz'altro uno dei luoghi maggiormente visitati e analizzati nella sua grande differenza rispetto al mondo moderno occidentale. Tanti elementi segnano questo distacco rispetto ad un'Europa materialista e poco spirituale. L'opera risulta molto interessante per le analisi socio comportamentali,religiose della popolazione indiana e non solo,mostrando ad esempio la profonfda ,millenaria e sempre preponderante concezione indiana del divino o della rigida separazione in caste della popolazione. Molto suggestivi i racconti indiani a fine opera,interessanti le pagine sulle lunghe giornate di navigazione,che fra l'altro restituiscono il colore locale del posto ed un ritratto affascinante del periodo storico in cui si ambienta l'azione. Ho letto "Un Natale a Ceylon" di Gozzano,stupendo. Trovo che in Hesse,forse la lunghezza dell'opera ha giocato a sfavore, manchi quel tocco veramente poetico,sublime,quasi magico che invece traspare dall pagine del Gozzano anche nelle più minute descrizioni. Una scrittura quella dell' Hesse rivolta più ad una narrazione esteriore dell cose,il loro impatto esteriore sullo straniero non avvezzo alla cultura indiana che alle volte annoia un po' sicuramente non ai livelli della divina scrittura di Gozzano. Veramente noiosi gli appunti di viaggio scanditi giorno per giorno. Per un approccio all'India è consigliato Gozzano vivamente.

  • User Icon

    alessandravv

    16/03/2007 12:02:43

    è un diario di viaggio dell'autore. vale la pena leggerlo se si è affascinati o incuriositi da quei luoghi: non solo india, ma anche sri lanka (allora ceylon), thailandia e indonesia. è un racconto storico geografico, che ci permette di riscoprire quegli scenari esotici, allora davvero incontaminati, oggi meta di turismo più o meno lecito.

Scrivi una recensione