Danze ungheresi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Johannes Brahms
Direttore: Claudio Abbado
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Deutsche Grammophon
Data di pubblicazione: 9 marzo 2012
  • EAN: 0028947799627
Disco 1
1
Hungarian Dance No.1 in G minor
2
Hungarian Dance No.2 in D minor - Orchestrated by Johan Andreas Hallén (1846-1925)
3
Hungarian Dance No.3 in F
4
Hungarian Dance No.4 in F sharp minor - Orchestrated by Paul Juon (1872-1940)
5
Hungarian Dance No.5 in G minor - Orchestrated by Martin Schmeling (?-1943)
6
Hungarian Dance No.6 in D flat - Orchestrated by Martin Schmeling (?-1943)
7
Hungarian Dance No.7 in F Hungarian Dance No. 7 in A - Orchestrated by Martin Schmeling (?-1943)
8
Hungarian Dance No.8 in A minor - Orchestrated by Hans Gál (1890-1987)
9
Hungarian Dance No.9 in E minor - Orchestrated by Hans Gál (1890-1987)
10
Hungarian Dance No.10 in F
11
Hungarian Dance No.11 in D minor - Orchestrated by Albert Parlow (?-1888)
12
Hungarian Dance No.12 in D minor
13
Hungarian Dance No.13 in D
14
Hungarian Dance No.14 in D minor - Orchestrated by Albert Parlow (?-1888)
15
Hungarian Dance No.15 in B flat - Orchestrated by Albert Parlow (?-1888)
16
Hungarian Dance No.16 in F minor / major - Orchestrated by Albert Parlow
17
Hungarian Dance No.17 in F sharp minor - Orchestrated by A. Dvorák (1841-1904)
18
Hungarian Dance No.18 in D - Orchestrated by A. Dvorák (1841-1904)
19
Hungarian Dance No.19 in B minor
20
Hungarian Dance No.20 in E minor - Orchestrated by Antonín Dvorák
21
Hungarian Dance No.21 in E minor
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Fabrizio

    23/06/2019 18:23:49

    non sono un estimatore esperto, ma il disco è bellissimo e lo consiglio anche a chi non ama la classica

  • Johannes Brahms Cover

    Compositore tedesco.La formazione e l'incontro con Schumann. I rudimenti di musica impartitigli dal padre, suonatore di contrabbasso, e lo studio del pianoforte, effettuato con F.W. Cossel, gli permisero presto di guadagnarsi la vita in orchestrine locali. Approfondiva intanto, sotto la guida di E. Marxsen, lo studio della composizione. A vent'anni, nel corso di una tournée (accompagnava al pianoforte il violinista R. Reményi) conobbe J. Joachim che, già celebre, lo introdusse nei più influenti circoli musicali tedeschi. Se l'incontro con Liszt a Weimar (1853) lo lasciò indifferente, decisivo per la sua formazione fu quello con Schumann a Düsseldorf. Vedendo in B. una sorta di antidoto alla corrente «progressista» rappresentata da Liszt e Wagner, Schumann segnalò al pubblico il giovane musicista,... Approfondisci
  • Claudio Abbado Cover

    Nasce a Milano nel 1933 (figlio di Michelangelo, violinista e musicologo, e fratello di Marcello, pianista e compositore), dove studia composizione, pianoforte e direzione d’orchestra al Conservatorio G. Verdi, con E. Calace, G. C. Paribeni, A. Votto e B. Bettinelli, diplomandosi nel 1957 in direzione d'orchestra all'Accademia musicale di Vienna, dove è allievo di H. Swarowski. Inizia l'attività direttoriale nel 1958 vincendo a Tanglewood (SUA) il premio Kusevickij e nel 1963 il premio Mitropoulos alla Filarmonica di New York.Debutta al Teatro alla Scala nel 1960 e ne sarà direttore musicale dal 1968 al 1986. Ha diretto il Berliner Philharmoniker. Ha fondato nel 1986, per valorizzare i giovani musicisti, la Mahler Jugendorchestra, l’European Community Youth... Approfondisci
  • Wiener Philharmoniker Cover

    Orchestra sinfonica fondata a Vienna nel 1842 per iniziativa di un gruppo di intellettuali, fra cui il poeta Nikolaus von Lenau e il direttore d'orchestra Otto Nicolai, che ne diresse i primi concerti alla Redoutensaal. Formata in un primo tempo da professionisti appartenenti alle orchestre teatrali della città, iniziò a tenere stabilmente stagioni di concerti a partire dal 1860, dapprima nel Teatro di Porta Carinzia, poi nella sala del Musikverein. Fra i suoi primi direttori permanenti vanno ricordati Otto Dessoff (1860-75), H. Richter (1875-98) e G. Mahler (1989-1901), che ampliarono progressivamente il tradizionale repertorio classico includendovi musiche di Brahms, Liszt, Wagner, Bruckner, Dvoák. In seguito fu diretta da F. Weingartner (1908-27), che l'aprì... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali