Date with the King (+ 7 Bonus Tracks) - CD Audio di Rosemary Clooney,Benny Goodman

Date with the King (+ 7 Bonus Tracks)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Essential Jazz
Data di pubblicazione: 12 gennaio 2015
  • EAN: 8436542017725
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 10,50

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questo cd presenta il raro album di Benny Goodman del 1955 “Date with the King” (Columbia CL2572), che vede il clarinettista alla guida del suo sestetto e affiancato dalla cantante Rosemary Clooney (questa sarebbe stata la loro unica sessione insieme. Come bonus è stato aggiunto l’album completo “Mr. Benny Goodman - The Benny Goodman Story” (Capitol SM-706), registrato a soli pochi giorni di distanza da “Date with the King”. Come ulteriore bonus sono state aggiunte sette tracce tratte dalle stesse sessioni di registrazioni (tra cui una rara rilettura di “I Got Rhythm”).
Disco 1
1
Memories Of You (Vocal Version)
2
Can T We Talk It Over
3
That S A Plenty
4
A Fine Romance
5
It S Bad For Me
6
Goodbye (Vocal Version)
7
Bugle Call Rag
8
One O Clock Jump
9
Avalon
10
Don T Be That Way
11
Down South Camp Meetin
12
Sing, Sing, Sing
13
Moonglow
14
And The Angels Sing
15
China Boy
16
Goodbye (Instrumental Version)
17
Shine
18
It S Been So Long
19
Alicia S Blues
20
Seven Come Eleven
21
Memories Of You (Instrumental Version)
22
I Got Rhythm
23
Let S Dance
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Benny Goodman Cover

    Clarinettista e direttore d'orchestra jazz statunitense. Dopo aver fatto parte, nel 1926, dell'orchestra di Ben Pollack e suonato con i musicisti bianchi di Chicago, fondò nel 1934 una sua grande orchestra con la quale, dall'estate 1935, ottenne uno straordinario successo che gli valse l'appellativo di «re dello swing». Utilizzando gli arrangiamenti di Fletcher Henderson e modellando la propria orchestra sulla sua, G. diffuse e rese popolare il jazz presso il pubblico più vasto, anche se non raggiunse l'intensità di formazioni nere come quella di Count Basie. Suo merito è stato anche di aver presentato per primo in pubblico gruppi «misti», cioè con musicisti afroamericani quali Teddy Wilson, Lionel Hampton (che con Gene Krupa formarono il suo celebre quartetto) e Charlie Christian. Solista... Approfondisci
Note legali