Categorie

Simona Vinci

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2009
Pagine: 169 p. , Brossura
  • EAN: 9788806200299

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Il signor Roviper

    19/09/2016 09.56.26

    Pedofilia pura... perchè esistono libri come questo? Non è già abbastanza triste dover ammettere che nel Terzo Mondo vi sono delle situazioni disagiate con bambini costretti a vendersi per avere qualcosa da mangiare? Non scriviamo sopra queste tragedie umane dei libri crudi nei dettagli che non servono a niente, se non a rendere più acuto il dolore causato dalla perversione di certe razze di adulti!

  • User Icon

    leonardo banfi

    18/11/2011 12.19.35

    Un argomento poco preso in considerazione. Vinci tratta l'argomento con una scrittura schietta, diretta, fredda, come deve essere anche se purtroppo il romanzo e' prevalentemente noioso. Affronta un tema interessante ma lo sviluppo della trama e' a mio parere stato fatto in modo errato, troppa narrazione, pochi dialoghi, talvolta lo stile di scrittura semplice diventa banale. Se fosse stato scritto in un altro modo sarebbe stato un ottimo romanzo, ma purtroppo non lo e'.

  • User Icon

    Alessandra

    05/01/2011 09.45.00

    Un romanzo, questo della Vinci, che ti arriva come un pugno nello stomaco, lasciandoti senza respiro. La sensazione, dopo aver letto questo romanzo, è quella di una profonda sofferenza, di amaro in bocca. Un romanzo dove ci si ritrova catapultati nel mondo dei bambini, nei giochi innocenti di scoperte erotiche in luoghi segreti, dove potersi illudere di stare lontano dagli sguardi disgustosi, viscidi ed incestuosi degli adulti. Un libro che graffia dentro l'anima delle nostre coscienze, e ci pone di fronte "all'inspiegabile" del mondo. Un libro tra i miei preferiti. "Sulla mensola del bagno, un flacone piccolo di Diorissimo. L'odore di sua madre. Per sempre, l'odore di questo bagno, di questa finestra e di questa vista aperta sul cielo. Mughetto. Un odore semplice e bianco.Buono da stordire. Per sempre, l'odore dei suoi dieci anni. Di tutta questa storia."

  • User Icon

    gianluca guidomei

    28/09/2009 17.47.05

    Traumatico. Un sasso in un placido stagno. Nonostante sia considerato un caso letterario, penso non abbia ricevuto il giusto riconoscimento ( stesso discorso per "Il giardino di cemento" di Ian McEwan ). Forse perchè strappa quella patina di naturale dolcezza con la quale tutti noi avvolgiamo i nostri bambini. Ma se, come ci insegnano religioni e filosofie, tutto è amore, vuol dire anche che tutto può essere orrore, paura. La sottile membrana che divide questi due mondi è sempre, pericolosamente sotto assedio, a qualsiasi età. Con una differenza sostanziale, secondo me ovviamente: non si può applicare un giudizio morale a un bambino di 8, 9 o 10 anni. Ognuno di noi ha vissuto momenti liminari, è arrivato sul ciglio di un burrone, è molto facile quando si è piccoli e soli con la propria ignoranza del mondo. Ma Simona Vinci spiega perfettamente come l' inevitabile crescere possa essere più o meno crudele, ma sempre e comunque traumatico: "Erano un sacco di cose che se ne andavano in quei momenti, e un sacco che si aggiungevano, arrivando da chissà dove. Emozioni dure e dirette come pugni in faccia, cose che non si scordano, prive di dolcezza e comunque da far piangere a ripensarci. Erano cose che li separavano e li univano in un secondo. Come quasi tutte le cose che a questo mondo si fanno insieme agli altri".

  • User Icon

    Vincenzo

    23/09/2009 12.19.14

    Una storia intollerabile non per la crudezza dei contenuti, quanto per essere, gli stessi, superlui: la violenza sui minori è deviante già se reale e descriverla con una così ragionata analiticità, peraltro priva di scopi, non è solo inutile ma anche pericolosamente dolorosa. Einaudi rifletta.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione