Categorie

Liza Marklund

Traduttore: L. Cangemi
Editore: Marsilio
Collana: Farfalle
Anno edizione: 2012
Pagine: 412 p. , Brossura
  • EAN: 9788831712439

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    camilla

    11/09/2015 18.32.39

    Non solo thriller ma anche uno spaccato di vita quotidiana nell'ambito famigliare e lavorativo, coinvolge il lettore creando grande empatia con il personaggio di Annika.

  • User Icon

    paola

    19/04/2014 15.23.13

    libro scritto bene e coinvolgente anche se un po' lento nelle prime cento pagine. I colpi di scena sono tutte nelle ultime 50 pagine..

  • User Icon

    Maurizio Crispi

    27/12/2013 17.49.40

    La lettura di questo romanzo ha una sua storia particolare che merita di essere menzionata. Mi trovavo in transito all'aeroporto internazionale di Addis Ababa di ritorno da Johannesburgh, un po' in tensione perché avevo appena perso la coincidenza per Roma; e, mentre cercavo di risolvere il problema, ecco che ho adocchiato abbandonato su di un banco dei check-in (l'aerostazione era semi-deserta perché era tarda sera) questo volume. Nessuno in giro. Il libro se ne stava accanto ad una sciarpa multicolore, del pari abbandonata. I colori e il formato del volume mi hanno attratto da lontano, perché in essi ho riconosciuto la veste editoriale di Marsilio. Poiché non c'era nessuno in giro, l'ho preso con disinvoltura. Evidentemente dimenticato da qualcuno in transito, il libro risulta in forza presso la Biblioteca comunale di Cernusco sul Naviglio: e dalla scheda allegata, sino all'ultimo sofrotunato passaggio è passato di mano almeno 15 volte dopo l'acquisizione da parte della Bibilioteca. Ho cominciato subito a leggerlo con grande piacere ed interesse. Era l'11 dicembre 2013. Mai letto prima un romanzo della Marklund. L'ho appena finito e siamo al 27 dicembre. Un bel giallo d'investigazione con Annika Bengtzon che porta avanti un'inchiesta giornalistica su una serie di attentati dinamitardi che mietono vittime e che ruotano attorno all'organizzazione dei Giochi olimpici di Stoccolma, mettendoli in forse. E la sua indagine giornalistica contribuisce a mettere assieme dei tasselli fondamentali per identificare il "bombarolo". Finale mozzafiato con suspense. Pienamente soddisfatto di questo insperato regalo che la sorte ha voluto elargirmi. Il volume lo terrò per me, ma presto spedirò una copia nuova alla Biblioteca comunale di Cernusco sul Naviglio. Mi pare davvero il minimo che si possa fare. Penso che senza indugio cercherò di procurarmi alcuni degli altri volumi della scrittrice svedese. Indubbiamente, merita un'esplorazione più approfondita.

  • User Icon

    ALESSANDRO

    16/06/2012 15.39.57

    Eccezionale esordio,almeno per la cronologia della serie pubblicata sinora in Italia, dell'intraprendente giornalista d'assalto protagonista, ovvero la tenace Annika Bengtzon. La fortunata serie con la sopra citata protagonista inizia dunque nel freddo glaciale di Stoccolma, alle prese in questo primo episodio con la famigerata "Bombarola", di cui tanto si è parlato nei flashback contenuti nei successivi episodi. Nonostante la prevedibilità del finale, sempre per la questione cronologica di cui sopra, ritengo questo primo romanzo entusiasmante e da consigliare a tutti gli affezionati lettori della regina del Noir scandinavo. Quella originale e non le recenti imitazioni, che non nomino neanche. Aspetto con fiducia nuove traduzioni di vecchi e spero anche nuovi episodi della serie della Mankell al femminile.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione