Destination: Morgue

James Ellroy

Editore: Bompiani
Edizione: 2
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
In commercio dal: 17 novembre 2004
Pagine: 337 p., Brossura
  • EAN: 9788845233357
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,80

€ 7,56

€ 8,90

Risparmi € 1,34 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Filippo

    04/09/2009 08:47:49

    Anche secondo me è una prosecuzione de "I miei luoghi oscuri" senza molta convinzione. Ma secondo me Ellory ha già dato il meglio di sè appunto ne "I miei luoghi oscuri" dove, intrecciando noir e vita personale, ha "scaricato" parte delle proprie ossessioni. In questo romanzo invece manca l'ispirazione e, pur non essendo bacchettone, l'ultimo raccondo - ad esempio - è di un torpiloquio asfissiante (voluto, certo, ma non per questo riuscito). Insomma, da bocciare. E parlo di un grande autore di capolavori: Los Angeles Confidential, American Tabloid, Sei pezzi da mille...

  • User Icon

    Dario Gioia

    08/04/2006 15:00:53

    Uno dei libri di Ellroy che mi è piaciuto di più... per il carattere, per la forza espressiva... Non c'è sempre bisogno di una storia inventata per fare grande un libro... Anche se la sua Autobiografia a volte sembra un'autocelebrazione il risultato è più che soddisfacente. Pungente, diretto: dice quello che pensa senza mezzi termini e racconta con uno stile ormai quasi perfetto...

  • User Icon

    andrea

    03/11/2005 15:41:16

    Probabilmente è il libro di Ellroy che mi è piaciuto meno, l'ho trovato molto noioso e con argomenti che aveva già trattato. Io preferisco Ellroy quando scrive dei grandi romanzi (vedi American Tabloid), questo libro mi ricorda in qualche modo "I miei luoghi oscuri", solo molto più noioso e "tirato per i capelli". Da dimenticare.

Scrivi una recensione