Il destino dell'assassino. Vol. 3

Robin Hobb

Editore: Fanucci
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 1 ottobre 2008
Pagine: 640 p., Rilegato
  • EAN: 9788834714317

37° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Fantasy

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Un tempo assassino del re, Fitz Chevalier è adesso al servizio della piccola banda del principe Devoto, che veleggia verso un futuro incerto quanto le acque che separano i Sei Ducati dalla lontana isola di Aslevjal. Il suo dovere è aiutare il principe a portare a termine la sfida lanciatagli da Elliania: portarle la testa del drago Icefyre, che le leggende dicono sia sepolto nel ghiaccio. Solo dopo che questa missione sarà completata, si potranno sposare e porre fine alla guerra tra i due regni. Ma non tutti sono contenti che un principe straniero cerchi di uccidere il drago Icefyre. E perché Elliania tiene tanto alla sua morte? La storia di Fitz e del suo amico, il Matto, raggiunge la sua spettacolare conclusione in II destino dell'assassino: le ardue prove che devono affrontare saranno necessarie per salvare l'esistenza stessa dei Sei Ducati.

€ 14,36

€ 16,90

Risparmi € 2,54 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ariel

    29/08/2014 10:37:04

    Accade una magia quanto si leggono i libri della Hobb. Riletto dopo qualche anno mi ha fatto di nuovo emozionare. Ho letto gli ultimi capitoli con gli occhi lucidi. Una saga decisamente da non perdere.

  • User Icon

    ariel

    29/01/2012 16:26:43

    Che saga incredibile! La Hobb è un'autrice che libro dopo libro ho imparato ad amare sotto ogni aspetto. Le trame, i personaggi, i luoghi, i dialoghi, nulla è lasciato al caso, tutto è pesato e delineato con cura. Ogni volta che finisco un libro mi dispiace essere uscita da quel mondo così reale che la Hobb ha creato. Ho letto questa saga un pò di tempo fa, ma ogni volta che ci penso mi viene voglia di sfogliare di nuovo quelle pagine per tornare di nuovo a vivere le avventure della vita di Fitz. L'unica cosa che mi trattiene e che ci sono le altre trilogie di quest'autrice da scoprire!

  • User Icon

    Danilo

    24/11/2008 15:25:49

    La saga più bella che abbia mai letto. La narrazzione della signora Hobb è una cosa magnifica,il libro ti rapisce lasciandoti senza fiato. Facendo perderti in una trama che non ha mai nulla di scontato. Tutti i fantasy dovrebbero essere scritti così.

  • User Icon

    mrfusion

    11/11/2008 15:46:16

    Probabilmente il peggior libro della serie, lungo e noioso all'inverosimile. Se avete amato Fitz l'assassino, se avete amato l'azione e l'intrigo dei primi libri lasciate perdere questa seconda trilogia. Fitz sembra ormai un incrocio tra una casalinga disperata e la schiava Isaura delle telenovelas..

  • User Icon

    Daniela Petrucci

    01/11/2008 17:42:54

    Bello, bello, bello: degna fine di una fantastica saga. Per me la Hobb è la più grande scrittrice di fantasy vivente, un'autentica miniera di idee, cultura, fantasia e genialità. I suoi intrecci sono pieni di pathos ma sempre lucidi e realistici, pregni di emozione ma anche di humour. Se non l'avete ancora fatto, leggete i precedenti romanzi di Fitz: sono tutti belli e appassionanti e, alla fine, vi dispiacerà che sia finita la sua storia.

  • User Icon

    ikustang

    17/10/2008 12:56:36

    ^_^ non so a voi, ma a me questo libro è piaciuto moltissimo! non sono molto critica riguardo il modo di scrivere o le scelte di trama e narrazione, ma alla fine del libro non solo mi sono commossa, ma ho anche provato un profondo smarrimento per essere uscita per sempre dal mondo di Fitz. Mi piacerebbe mettermi in contatto con tutti coloro che hanno letto la saga e l'hanno trovata come me il miglior fantasy in circolazione negli ultimi anni.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione