Di un nuovo complotto contro gli industriali

Stendhal

Curatore: M. Diani
Anno edizione: 1988
In commercio dal: 14 novembre 1988
Pagine: 128 p.
  • EAN: 9788838905117
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 8,78

€ 10,33

Risparmi € 1,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 


scheda di Bertini, M., L'Indice 1989, n. 7

Accanto allo Stendhal romanziere, il pubblico italiano conosce da tempo - grazie a un buon numero di felici iniziative editoriali - lo Stendhal viaggiatore e l'appassionato di musica, il diarista e lo storico della pittura. Nelle pagine di questo pamphlet emerge uno Stendhal ancora differente: il lettore di economia politica, che cita Mill, Mac Culloch, Malthus e Ricardo e considera con preoccupazione un indirizzo di pensiero che gli pare carico di implicazioni illiberali: l'industrialismo. Saint-Simon, che aveva formulato la dottrina industrialista, era morto da poco; un gruppo di suoi discepoli sosteneva, sul settimanale "Le Producteur", la necessità di una riforma totale della società "sotto la direzione combinata dell'industria, delle scienze e delle belle arti". Stendhal, pur riconoscendo che le opinioni dei redattori del "Producteur" riguardo agli affari e al commercio erano "coraggiose e ragionevoli", pur apprezzando i loro sforzi per lo sviluppo di ferrovie e canali, temeva si profilasse, nei loro piani, un'immagine sinistra della società a venire: grandi industriali e banchieri avrebbero dominato la scena politica e culturale, riducendo sempre più ogni margine di critica e di dissenso. La storia dimostrava inoltre che industriali e banchieri, benché artefici di progresso economico, potevano facilmente compiere, in nome dei loro interessi, scelte tutt'altro che progressive. Il testo del pamphlet, brillante e ironico, è stato opportunamente corredato dal curatore, Marco Diani, di una ricca documentazione di lettere ed interventi polemici dello stesso periodo.