Categorie
Traduttore: R. Solmi
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2010
Pagine: XLIII-281 p., Brossura
  • EAN: 9788806203917

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Filosofia - Filosofia sociale e politica

Disponibile anche in altri formati:

€ 20,40

€ 24,00

Risparmi € 3,60 (15%)

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    giorgio

    15/07/2017 18.24.06

    Probabilmente in tempi arcaici l'uomo era parte integrante della natura al punto da confondersi in essa. Il primo distacco avvenne con timore e tremore, ma fu un distacco irreversibile grazie al quale l'uomo riuscì a prendere coscienza della sua propria identità anche se al tempo stesso dovette reprimere a poco a poco, sempre più in modo veemente tanto quanto veemente si faceva il distacco, tutto quanto era spontaneo e naturale in lui nella sua ambivalente pulsionalità. I miti, le religioni e le metafisiche non sono altro che cristallizzazioni sublimate dello spirito nella ragione oggettiva per trattenere ancora una comunicazione sacrale con la natura dentro e fuori dominata. Col dispiegamento dell'illuminismo (inteso come ragione strumentale che si afferma già nel mito) non c'è più spazio per la ragione oggettiva ma soltanto di quella strumentale che anzi vede in quella oggettiva traccia delle antiche superstizioni. Non si può allora rinvenire il gusto per la metafisica, per la religione e per i miti se non riproponendoli nelle loro veste sorgiva, cioè risalendo alla natura stessa, con quel tanto di felicità e orrore che tale ritorno comporta ( De Sade, Nietzche) al fine di recuperarla all'insegna di una ragione che non sia più quella strumentale del dominio ma neanche quella asservita al vitalismo immediato che con l'acqua sporca della civilizzazione butta via anche il bambino seminando morte (antisemitismo e industria culturale). La ragione oggettiva che si deve riproporre è quella dialettica, che nella negazione determinata del nostro mondo strumentale si va avanti senza conciliazione, con la negazione stessa per non offendere l'offeso e per coglierlo come quel rimosso che in controluce schiarisce la mutilazione civilizzante dell'umanità.

Scrivi una recensione