Diari di Parigi (1961-1964)

Manlio Brosio

Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 14 gennaio 2010
Pagine: 502 p., Brossura
  • EAN: 9788815133670
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 21,60

€ 30,00

€ 40,00

Risparmi € 10,00 (25%)

Venduto e spedito da IBS

30 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Secondo dei quattro volumi nei quali sarà pubblicata un'ampia selezione dei fitti diari tenuti con sistematicità dall'ambasciatore Brosio (1897-1980), questo testo registra gli umori di uno spirito caustico e gelido, diffidente verso il centrosinistra che si andava profilando in Italia, propenso a una solida alleanza euro-atlantica. Dispiace immaginare quanta parte dei diari sia stata secretata, ma se ne capiscono le ragioni. Brosio affida alle sue pagine giudizi severi, talvolta malevoli, e non si perita di annotare sferzanti osservazioni sulle persone. Più che a una fonte trascritta per intero, siamo davanti a una corposa antologia, utilmente promossa dal Centro di ricerca e documentazione Luigi Einaudi. Il ruolo del diplomatico è interpretato dal liberal-conservatore Brosio come una missione da assolvere in forte autonomia rispetto a governi transitori e incerti. L'autore sostiene, all'altezza del giugno 1961, che "obiettivamente il pericolo comunista è assai più grave di quello fascista". Gli sembra che Fanfani compiaccia in tema di politica estera Nenni a fini elettoralistici. Perfino Emilio Colombo gli appare "dominato dal complesso di sinistra". In una lettera a Segni paventa che si stia "galoppando verso la semineutralità". Vuole una Comunità europea che non pretenda eccessiva libertà di manovra. Di Jean Monnet dice: "È un vecchietto serio e convinto, ma non mi convince": è troppo fiducioso. Paolo VI è "un prete arido dalla voce ingrata". Vien voglia di leggere i diari come una testimonianza dell'atmosfera di quegli anni. Da segnalare una perla, datata 5 novembre 1962: "Zagari e Brodolini (…) pregano Malfatti di non invitare Basso a una colazione intima fra loro, perché 'è un bolscevico'". Tra i molti epiteti che Basso poteva meritare questo è il più assurdo: eppure sintomatico della "fraternità" socialista. Roberto Barzanti