Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni Diario del ladro

  • User Icon
    13/05/2020 18:24:28

    Complicato racconto di pulsioni semplici, falsamente sincero e superficialmente profondo. Dove si vede come fosse facile per Genet essere mitizzato dai vati della poetica Apache. Il libro è dedicato a Jean Paul Sartre e al "Castoro", ovvero Simone de Beauvoir. Nel saggio che Jean Paul Sartre gli dedica, intitolato Santo Genet, commediante e martire del 1952, paragona la prosa del "ladro omosessuale" ad una cosmogonia sacra, quindi molto più d'una semplice autobiografia che descrive le diverse fasi della sua vita di vagabondo: egli è un poeta che rivela la sua predilezione per il narcisismo più esasperato. Un libro un po' complesso ma che vi consiglio se vi appassionano le sue tematiche.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    20/09/2019 23:23:26

    Libro ambientato negli anni 20, il romanzo racconta la storia di una donna, la sua evoluzione verso quella che crede essere l'emancipazione, ma che, di fatto, consiste nel lasciarsi trasportare dai desideri e dai sensi, sotto la giustificazione che tale comportamento è insito, dunque giustificato e persino consacrato, nell'essere femminino. La forza del romanzo consiste nella raffinata capacità di introspezione dei personaggi maschili e femminili, in tutte le loro sfaccettature, compresi i limiti caratteriali che non sanno di avere. Quasi un trattato delle variabili umane, questo lavoro fa riflettere poiché, come tutte le grandi opere, si eleva al di sopra del tempo e dello spazio per costituire una sempre attuale chiave di lettura di molti comportamenti umani. Linguaggio estremamente forbito ma fluido, con continui colti richiami ad altre opere letterarie, alla musica, alla pittura, all'arte in genere. Insomma, uno di quei romanzi che lascia aperta la riflessione e che ti fa respirare la Grande Letteratura.

    Leggi di più Riduci