Diario. Vol. 1: 1931-1934.

Anaïs Nin

Traduttore: D. Vezzoli
Curatore: G. Stuhlmann
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 18 luglio 2001
Pagine: VIII-496 p., Brossura
  • EAN: 9788845248689
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Angelantonio Biasella

    24/10/2006 10:43:22

    Il diario di Anais Nin, reso pubblico nel 1966, fu per decenni oggetto di pettegolezzi e congetture. Henry Miller, suo grande amico, diceva che questo diario avrebbe trovato posto accanto ai grandi capitoli dell’autobiografismo occidentale: Sant’Agostino, Rousseau, Proust. E’ un’opera faraonica. L’intera stesura avrebbe contato qualcosa come 15000 pagine dattiloscritte. Il lavoro di una vita. Ad oggi, invece, sono stati pubblicati solo quattro volumi di circa 400 pagine l’uno. Il diario è privo di una vera e propria trama. L’autrice era solita annotare pensieri e illuminazioni ai tavoli dei caffè o in attesa di un treno o aspettando l’inizio di un film. Principalmente parla della sua vita totalmente dedicata all’arte. Non solo a quella personale ma anche e soprattutto a quella degli altri. Ci racconta il suo tentativo di agevolare la vita di molti artisti per rendere più facile la loro opera. Fu lei a pagare la pubblicazione di “Tropico del cancro” di Henry Miller. Fu lei ad ispirare le performance teatrali di Antonin Artaud. Fu lei a riportare alla vita un luminare della psicoanalisi come Otto Rank, caduto nella paranoia di un’esistenza divorata dal suo stesso lavoro. Una mecenate dei giorni nostri che, al posto di elargire denari, si preoccupava del sostentamento dell’anima dei suoi assistiti. Un animo candido e scaltro al servizio della Parigi bohémienne degli anni trenta. Fitto e pregno di altissime elucubrazioni, il diario ci illumina sulla personalità dell’autrice e sulle mille sfaccettature del suo carattere. Lo consiglio vivamente a tutti gli idioti che ancora credono nella superiorità del proprio sesso. Anais Nin arriva ad un livello di consapevolezza e di intelletto che, onestamente, il 90 % degli uomini neppure si sogna.

Scrivi una recensione