Categorie

Witold Gombrowicz

Curatore: F. M. Cataluccio
Traduttore: V. Verdiani
Editore: Feltrinelli
Collana: Le comete
Anno edizione: 2004
Pagine: XXXIII-443 p. , Brossura

18 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Biografie - Memorie

  • EAN: 9788807530135

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    antonio d'agostino

    07/12/2011 08.12.34

    un diario? molto di piu! questo è un libro che scava nella coscienza del lettore, che anticipa temi di grande attualità, che fa entrare nella condizione esistenziale dell'uomo, molto meglio di 3 libri di Sartre letti di seguito.... è un libro che stravolge la vita. rompe l'asse a cui siamo legati nel guardare le cose e il mondo.

  • User Icon

    vulmaro

    06/01/2005 18.41.15

    alcuni consigliano la lettura di questo libro a chi desidera avvicinarsi con più perspicacia all'opera di witold. io l'ho letto senza quell'intento. e non l'ho letto nemmeno per tentare di capire meglio l'uomo, l'autore, e nemmeno per decifrare i passi più complessi del meraviglioso 'cosmo' (uno dei più bei romanzi di tutta la storia della letteratura mondiale); e nemmeno per violentare 'ferdydurke', magari con giudizi idioti o interpretazioni trascendenti le intenzioni dell'autore. è un libro da leggere per amore della grande letteratura. da un mercoledì del 1958: 'passeggiavo nel viale d'eucalipti quando, da dietro un albero, spuntò di colpo una mucca. mi fermai. ci gaurdammo negli occhi. la sua mucchità sorprese a tal punto la mia umanità (l'attimo in cui i nostri sguardi si incontrarono fu straordinariamente intenso) che mi sentii confuso in quanto uomo, in quanto membro del genere umano. non avevo mai provato la strana sensazione di vergognarmi davanti a un animale. avevo permesso alla mucca di guardarmi e vedermi, e questo ci aveva resi uguali, trasformando anche me in animale: ma in un animale anomalo, direi quasi illecito. prosegui la passeggiata interrotta sentendomi a disagio... in mezzo alla natura che mi assediava da tutte le parti... con l'aria di guardarmi.' witold gombrowicz

Scrivi una recensione