Dietro le quinte. Economia e intelligence nelle guerre del Novecento

Paolo Ferrari,Alessandro Massignani

Editore: CEDAM
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 1 febbraio 2011
Pagine: XII-192 p., Brossura
  • EAN: 9788813308322

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Guerra e difesa - Amministrazione militare

€ 16,15

€ 17,00

Risparmi € 0,85 (5%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 
 

 
Che gli scontri militari diretti costituiscano solo la punta dell'iceberg per la guerra moderna è assodato. Nella presente raccolta di studi già pubblicati, arricchita da una sezione inedita relativa alla mobilitazione dell'industria tedesca nella seconda guerra mondiale, si approfondisce opportunamente tale prospettiva d'analisi. Offrendo in coda a ciascun capitolo il supporto di numerosi documenti d'archivio, Alessandro Massignani, membro della Società di storia militare, e Paolo Ferrari, docente di storia contemporanea a Udine, assemblano saggi sui due conflitti mondiali del XX secolo, sull'organizzazione in essi dell'industria bellica e dell'intelligence (di Sua Maestà britannica come del Reich, italiana come austriaca) e su talune questioni in qualche modo collegate a quei fatti: il ruolo del Servizio informazioni italiano nel primo ventennio del Novecento, il finanziamento straniero e nazionale della lotta partigiana in Italia, l'azione dei carabinieri nel contesto della strage di Portella della Ginestra. Illustrando e confrontando le tecniche impiegate da vari stati per spionaggio, controspionaggio, infiltrazioni e sabotaggi, senza tralasciare la strategia economica posta in essere dalle varie potenze in rapporto alle multiformi necessità belliche, gli autori affrontano alcuni fra i principali versanti di guerre che coinvolsero l'Italia. In particolare, la rievocazione del vasto sottobosco popolato da quanti si prodigavano nella raccolta di informazioni, attività ritenuta decisiva dall'esercito, presenta al lettore una visione della guerra più densa, precisa e, per molti versi, inaspettata rispetto a quanto accade di consueto. Daniele Rocca