La difesa della razza

Valentina Pisanty

Editore: Bompiani
Collana: Tascabili. Saggi
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
In commercio dal: 25 gennaio 2006
  • EAN: 9788845214196
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Quali sono i pregiudizi che emergono dalla rivista del razzismo italiano, "La difesa della razza", pubblicata sotto l'egida del Ministero della Cultura tra il 1938 e il 1943? Il razzismo italiano era solo un'appendice del razzismo tedesco o aveva una sua originalità? Si è mai pensato a una razza propriamente italiana? Quali erano gli argomenti del razzismo di allora? Argomenti biologici - la presunta superiorità genetica - argomenti spirituali - uno sviluppo più avanzato dell'anima italiana - o argomenti culturali - un maggior progresso dello stato di civiltà della nostra nazione? Attraverso l'esame dei discorsi dei pensatori razzisti italiani, da Evola ad Almirante, il testo illumina uno dei momenti più cupi della nostra storia.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Il Professore

    23/01/2009 21:54:30

    Un'antologia di articoli contenuti nella rivista portavoce del razzismo italiano dal 1938 al 1943.Articoli raggruppati per tematica a cui l'autrice accompagna un'ottima analisi storica,culturale e sociale avente lo scopo di spiegare cosa è stato il razzismo italiano.Le tematiche affrontate riguardano i maggiori aspetti del razzismo (definizione e catalogazione delle razze,stereotipi,pura razza italiana,gli ebrei).Per ciascuno di essi la posizione degli intellettuali razzisti viene riportata,criticata e demolita utilizzando tutti i mezzi possibili (logica,filosofia,storia ,scienza ,etc.).Il libro si legge bene anche se l'argomento è difficile. Con un approccio didattico (concetti chiari,linguaggio colto ma accessibile)viene dato un quadro sintetico ma completo dei vari aspetti.L'ultima parte ,dedicata agli ebrei ed in particolare ai protocolli dei savi anziani di Sion,utilizza argomentazioni necessariamente complesse per confutare la posizione di Evola ed è di più difficile lettura. Chi è poco o male informato sul razzismo in generale e su quello italiano nello specifico,e vuole avere elementi per giudicare compiutamente deve leggere questo libro.

Scrivi una recensione