Categorie
Traduttore: G. Antonelli, G. Pegoretti
Curatore: P. Varri
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 1990
Pagine: 276 p.
  • EAN: 9788815027580

19° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Economia e diritto - Economia - Economia politica

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 16,69

€ 19,63

Risparmi € 2,94 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile


scheda di Bellofiore, R., L'Indice 1990, n.10

Amico più che discepolo di Keynes, Harrod è noto al pubblico italiano soprattutto per la biografia dell'autore della "Teoria generale", tradotta dalla Einaudi. Di formazione umanistica e filosofica prima che economica, docente a Oxford nonostante i suoi legami con la scuola di Cambridge, Harrod avrebbe voluto che la sua fama fosse legata alle sue "Foundations of Inductive Logic" (1956). Viene invece ricordato, a ragione, per i suoi studi pionieristici sulla concorrenza imperfetta, sulla teoria del ciclo, sui primi e controversi tentativi di esposizione formale e diagrammatica della "Teoria generale". Ma sono soprattutto i contributi alla teoria della crescita ad essere i più originali, ed è ad essi che è dedicata questa antologia di suoi scritti -tutti precedentemente inediti in italiano, con la sola eccezione del primo, "Un saggio di teoria dinamica" (1939)- che compare nella collana "I grandi economisti contemporanei", a cura di Terenzio Cozzi e Stefano Zamagni. Chiara ed esemplare l'introduzione di Paolo Varri, che oltre alle essenziali informazioni sulla vita e sul percorso intellettuale di Harrod, ripercorre la lenta evoluzione della concezione dinamica di Harrod, spesso travisata a causa delle sue ipotesi "forti", quali la costanza della propensione al risparmio e della tecnologia o l'elevata instabilità. Quel che è certo è che Harrod si dissociò dai tentativi tanto neoclassici quanto postkeynesiani di attenuare la radicalità delle proprie conclusioni, e che il significato della sua impostazione può essere meglio compreso se, come fa Varri, lo si inquadra nello sfondo del dialogo serrato con Keynes.