Il diritto civile nella legalità costituzionale secondo il sistema italo-comunitario delle fonti

Pietro Perlingieri

Anno edizione: 2006
In commercio dal: 18 gennaio 2007
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: XVI-1088 p., Rilegato
  • EAN: 9788849513530
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 110,00

Venduto e spedito da IBS

110 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Il volume espone gli istituti in forma piana e ad un tempo problematica. Le sue pagine si propongono di diffondere, presso un pubblico più ampio, idee e soluzioni sul ruolo, sui contenuti e sulle tecniche del diritto civile. L'opera rappresenta una "rilettura" delle nozioni e degli istituti tendente ad adeguarli e funzionalizzarli alla gerarchia dei valori che caratterizzano la «legalità costituzionale» nell'àmbito di una concezione unitaria e sistematica dell'ordinamento giuridico. Essa costituisce uno sforzo di sintesi tra l'esperienza didattica e gli anni di studio, nella convinzione della necessità sia di una stretta osmosi tra insegnamento e ricerca, sia del collegamento tra produzione scientifica e realtà pratica. Questa terza edizione, arricchita dagli approfondimenti sulla teoria delle fonti e sulla teoria dell'interpretazione - dovuti soprattutto all'impatto con il diritto comunitario e le problematiche del mercato e della tutela del contraente debole -, ha parzialmente mutato titolo: non più soltanto Il diritto civile nella legalità costituzionale, ma Il diritto civile nella legalità costituzionale secondo il sistema italo-comunitario delle fonti. L'intento è di mettere in evidenza che, nonostante il pluralismo del sistema italo-comunitario delle fonti, il diritto civile vigente è espressione di un ordinamento unitario pur sempre caratterizzato dalla centralità della legalità ispirata ai valori fondamentali della Costituzione. Dalla concezione monistica dell'ordinamento, quale sintesi e integrazione di disposizioni e di principi assai articolati tra loro, nasce un'esperienza nuova che trova un'unità nel momento applicativo, quando l'interprete è chiamato ad individuare - nel pluralismo delle fonti, nel rispetto della loro gerarchia e nel controllo del corretto uso della competenza e della sussidiarietà - la normativa adeguata al caso concreto, l'«ordinamento del caso concreto» (che non potrà non essere uno e uno soltanto).