Il diritto civile nella legalità costituzionale secondo il sistema italo-comunitario delle fonti. Vol. 1

Pietro Perlingieri

Anno edizione: 2006
In commercio dal: 25 novembre 2006
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: XVI-436 p., Brossura
  • EAN: 9788849513547
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 40,00

Venduto e spedito da IBS

40 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Il volume espone gli istituti in forma piana e ad un tempo problematica. Le sue pagine si propongono di diffondere, presso un pubblico più ampio, idee e soluzioni sul ruolo, sui contenuti e sulle tecniche del diritto civile. L'opera rappresenta una "rilettura" delle nozioni e degli istituti tendente ad adeguarli e funzionalizzarli alla gerarchia dei valori che caratterizzano la «legalità costituzionale» nell'àmbito di una concezione unitaria e sistematica dell'ordinamento giuridico. Essa costituisce uno sforzo di sintesi tra l'esperienza didattica e gli anni di studio, nella convinzione della necessità sia di una stretta osmosi tra insegnamento e ricerca, sia del collegamento tra produzione scientifica e realtà pratica. Questa terza edizione, arricchita dagli approfondimenti sulla teoria delle fonti e sulla teoria dell'interpretazione - dovuti soprattutto all'impatto con il diritto comunitario e le problematiche del mercato e della tutela del contraente debole -, ha parzialmente mutato titolo: non più soltanto Il diritto civile nella legalità costituzionale, ma Il diritto civile nella legalità costituzionale secondo il sistema italo-comunitario delle fonti. L'intento è di mettere in evidenza che, nonostante il pluralismo del sistema italo-comunitario delle fonti, il diritto civile vigente è espressione di un ordinamento unitario pur sempre caratterizzato dalla centralità della legalità ispirata ai valori fondamentali della Costituzione. Dalla concezione monistica dell'ordinamento, quale sintesi e integrazione di disposizioni e di principi assai articolati tra loro, nasce un'esperienza nuova che trova un'unità nel momento applicativo, quando l'interprete è chiamato ad individuare - nel pluralismo delle fonti, nel rispetto della loro gerarchia e nel controllo del corretto uso della competenza e della sussidiarietà - la normativa adeguata al caso concreto, l'«ordinamento del caso concreto» (che non potrà non essere uno e uno soltanto).