Il diritto dimenticato. Il lavoro nella costituzione europea

Antonio Cantaro

Editore: Giappichelli
Collana: Critica Europea
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 1 luglio 2007
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: VII-175 p., Brossura
  • EAN: 9788834874288
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 
Introduzione: Il diritto dimenticato. – Parte Prima: Il regime del lavoro in Europa. – Premessa: Tre regimi del lavoro. – I. Il lavoro nelle costituzioni laburiste e welfariste. – II. Il lavoro nelle costituzioni postcomuniste. – III. Il lavoro nella “costituzione” dell’Unione. – Sez. I: Diritti del lavoro e diritti sociali nei Trattati europei. – Sez. II: Il lavoro nella Carta di Nizza. – Sez. III: Il lavoro nella strategia europea per l’occupazione. – Parte Seconda: Il diritto al lavoro nella storia europea. – Premessa: Due diversi liberalismi?. – I. Alexis de Tocqueville: discorso contro il diritto al lavoro. – II. L’epoca dello ‘Stato attivo’: il lavoro come diritto. – III. Fritz Bolkestein: discorso contro lo ‘Stato attivo’. – Conclusioni: Il diritto al lavoro tra ‘storia’ e ‘utopia’. – Riferimenti bibliografici. – Indice dei nomi.