Il discepolo. Le cronache di Sebastian Bergman

Michael Hjorth,Hans Rosenfeldt

Traduttore: R. Nerito
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 27 agosto 2013
Pagine: 668 p., Brossura
  • EAN: 9788806208394
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 18,70

€ 22,00

Risparmi € 3,30 (15%)

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 11,88

€ 22,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Massimo F.

    27/07/2018 16:06:03

    Un thriller coi fiocchi, ottimo e abbondante. Trama avvincente, ritmo serrato, personaggi interessanti. Migliore del pur notevole romanzo d’esordio. Da straleggere

  • User Icon

    Fabio

    18/02/2018 18:04:34

    Secondo romanzo che racconta le cronache di Sebastian Bergam. Per certi versi un giallo superiore negli intenti al precedente. Nonostante un inizio meno incisivo, con una lunga digressione sulla vita privata di Bergamn, una volta superato il primo scoglio, procede senza sosta, con colpi di scena mai scontati e una frizzantezza che appare sempre più rara da trovare nei thriller moderni. Ottima la prosa e la scorrevolezza aiuta a proseguire nella lettura senza mai stancarsi, nonostante la mole di pagine che, se scritte peggio, sarebbero state troppe. Sicuramente un pregevole romanzo, grazie anche ad un protagonista che, summa di ogni atteggiamento antipatico ed esecrabile, sta diventando, libro dopo libro, come un amico... Speriamo, col tempo, non lo annacquino troppo; perderebbero uno degli ingredienti che ha reso la serie accattivante. Cosnigliato a chi cerca gialli ottimi, meno a chi vuole una lettura leggera.

  • User Icon

    micge

    14/01/2017 13:45:12

    Ho comprato questo libro in virtu' delle eccellenti recensioni qua scritte , e dopo aver letto il primo libro con Sebastian Bergman protagonista; devo dire che mi ha un po' deluso, non lo ritengo da 5 stelle ... gli autori hanno una buona capacita' di creare una trama avvicente anche se non originalissima ( quella del copycat , del serial killer che emula il maestro ) ; quel che stona, per me, e' l' eccesso di azione , e alcune vistose incongruenze , ad es. la facilita' con cui questi assassini seriali comunicano tra loro e con tutto il genere umano e la facilita' con cui entrano ed escono dal braccio di massima ( ? ) sicurezza; inoltre lo si puo' definire forse un thriller , ma non giallo, almeno nell' accezione stretta del termine ...insomma bello ma non bellissimo...

  • User Icon

    Alberto

    18/11/2016 21:59:08

    Bellissimo giallo uno dei migliori letto negli ultimi anni e di gialli ne leggo parecchi !!!! Peccato non ci sia piu traccia di questi 2 autori dal 2013 :(

  • User Icon

    Claudio

    03/05/2014 14:15:44

    Lo spunto non è particolarmente originale (serial killer psicopatico in isolamento che tuttavia, riuscendo a mettersi in contatto con l'esterno .........) ma H & R imbastiscono la storia di un'indagine solida sia per l'intreccio che per le introspezioni di ogni singolo personaggio (l'unico che forse indispettisce per la sua imbecille mediocrità è il direttore del carcere). Il finale aperto, attendibile in quanto si tratta di una serie, mi lascia una sola preoccupazione: tra due anni mi ricorderò tutto bene per gustarmi una nuova impresa di Sebastian?

  • User Icon

    FRANCESCO

    27/01/2014 17:13:41

    Gran bel giallo. Ben congegnato ed avvincente ma il meglio è il protagonista: Sebastian. Cattivo, scorbutico, intrattabile,bugiardo,antipatico a tutti eppure geniale e generoso. Una vera scoperta. Aspetto il terzo romanzo della serie.

  • User Icon

    fuzz

    28/09/2013 18:01:11

    Gran bel romanzo ! migliore del precedente " Oscuri segreti" gia' molto bello. Trama avvincente , con parecchi colpi di scena, mai ferma e con le vicende di vita personale dei protagonisti molto ben caratterizzate. Questo Sebastian Bergman e' una splendida canaglia , ma alla fine si riscatta ampiamente. Proprio bello , lo consiglio e aspetto il prossimo romanzo .

  • User Icon

    chiara

    27/09/2013 14:37:16

    La storia riprende il punto finale del precedente romanzo. In certi momenti ho ritrovato le atmosfere del silenzio degli innocenti, anche se il CATTIVO è meno raffinato di Hannibal e la poliziotta è piuttosto ingenua . Prima di vedere Sebastian un po' sensibile e socievole forse dovranno passare ancora molte puntate della sua storia!!!! Da leggere ... in attesa del terzo!

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione