Dizionario dei segni. La lingua dei segni in 1400 immagini

Orazio Romeo

Editore: Zanichelli
Anno edizione: 1991
In commercio dal: 01/01/1991
Pagine: 208 p., ill.
  • EAN: 9788808078223
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 26,35

€ 31,00

Risparmi € 4,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

26 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:


scheda di Pigliacampo, R., L'Indice 1992, n. 8

Il "Dizionario" di Romeo è uno dei primi testi usciti in Italia sulla "lingua gestuale" per lo più "parlata" dai sordi gravi dalla nascita. Sino a qualche anno fa ai gesti dei sordi si davano forme di mimo, dacché si discuteva di comunicazione "mimica". È stato William Stokoe che, nel 1960, entrato ad insegnare Linguistica nell'università americana per sordi, la "Gallaudet University" di Washington, scopri che i gesti adottati nella comunicazione dei sordi erano codici di una specifica lingua con una propria grammatica e semantica. Orazio Romeo, prima di disegnare e programmare questo testo, ha studiato alcuni anni alla "Gallaudet University" approfondendo la linguistica dei segni. Romeo ha disegnato 1400 codici visivi, poi ha elencato i "numeri cardinali" più utilizzati i "numeri ordinali", il "tempo (le ore)" e i "mesi". il "Dizionario" è facilmente comprensibile anche per chi è digiuno di comunicazione segnica ed è utilissimo ai genitori dei sordi, agli operatori della sanità, agli insegnanti specializzati dei sordi e ai sordi stessi che intendano perfezionare i loro segni o conoscerne altri perché, come è noto, la lingua dei segni non è ancora ' nazionale", ma molti sordi "parlano" una lingua gestuale dialettale. E quindi è ancora maggiore l'importanza di questo lavoro perché permette di unificare i segni-parole utilizzate dai sordi. l sordi italiani devono fare lo sforzo di diffonderla e farla riconoscere, dalle competenti autorità governative, come una delle tante "lingue minoritarie" con i benefici stabiliti dalla Costituzione.