Categorie
Curatore: M. Bonfantini
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: LXVIII-436 p.
  • EAN: 9788806183448
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,29

€ 11,48

€ 13,50

Risparmi € 2,02 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ire

    13/09/2012 12.19.41

    Non un libro,ma un dialogo con sè stessi,un ottimo spunto per la riflessione,per allargare i propri pensieri,le proprie idee,per informarsi e crearsi un giudizio,il dizionario è presentato come un vero dizionario,dalla lettera A alla V sono analizzate le parole più comuni,da Amore,Adamo,Abramo,Cristianesimo,Mosè,Tolleranza per finire con la parola Virtù, analizzate e criticate ( seguendo il significato classico di critica,quello positivo,di ricerca).E' interessante scoprire cose già note o del tutto nuove,per le quali Voltaire cita anche i riferimenti,quindi si può proseguire la ricerca.Ogni argomento finisce con il punto,ma non è concluso del tutto,ti lascia un perchè ad ogni vocabolo.Molto bello,interessante,utile.

  • User Icon

    Fabio Sacco

    29/08/2006 23.42.23

    Scritto nel 1764, ma aggiornato fino al 1769, il Dizionario presenta quasi tutte le voci in modo assai dilettevole, benché utile e profondo. I richiami alle fonti sono sempre pungenti, tanto da esporre le proprie opinioni come un fatto. Il bersaglio principale dell’opera è la superstizione: Voltaire si scaglierà spesso contro tutte le sette cristiane – inclusa ovviamente la cattolica -, ma non risparmierà nulla agli ebrei, alquanto disprezzati dal francese. La critica alla religione rivela quanto gli scritti biblici siano in realtà opera di uomini del proprio tempo e rivelano quanto la divinità dei libri sacri sia data solo dalla consuetudine a considerarli sacri: la Chiesa ha deciso che sono sacri, dunque lo sono. Il tutto ad offesa dell’indagine razionale non solo della realtà effettiva, ma anche del testo biblico, che - come accade ancor oggi nonostante l’alto tasso d’alfabetismo – non è minimamente letto e, anche quando letto, non è posto sotto la lente del senso comune. Voltaire è un autore di buon senso: figlio del proprio tempo, capisce che le conquiste sono lente da ottenere e non fa mai un passo più lungo della gamba, convinto che tutto potrà avvenire a suo tempo, liberando gradualmente le menti dai pregiudizi; dunque, inutile accusarlo di poco coraggio. Il Dizionario rivela la grandezza dell’uomo, basando l’universalità degli uomini di tutti i tempi e di tutti i luoghi su una morale universale basta sull’amore e sull’impegno per gli altri. Significativamente, l’ultima voce del Dizionario è “Virtù”.

Scrivi una recensione