Editore: Leone
Collana: Orme
Anno edizione: 2014
Pagine: 443 p., Brossura
  • EAN: 9788863931839
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    corinneb

    04/01/2016 18:52:09

    Ho letto con interesse anche questo libro del Bruno. Anche questo lo ho apprezzato e mi è piaciuto. E' ammirevole la capacità dello scrittore nel descrivere ed entrare dentro i fatti storici e nel ricostruirli seguendo la trama che intende raccontare che non è mai banale e lasciata al caso ma è costruita -bene- seguendo un filo narrante che è sempre ben cucito con gli avvenimenti accaduti e anche i personaggi liberamente frutto di fantasia agiscono e intereagiscono ben inseriti con quelli vissuti. Anche in questo caso l'attore principale, Dardano, è consapevole del proprio destino e del proprio futuro, fino a quando eventi che sfuggono al proprio controllo, lo fanno precipitare in una nuova situazione che egli stenta ad accettare rendendo incerto tutto quello che invece gli appariva come scontato. Dopo aver accettata la nuova situazione altri eventi non desiderati lo distolgono di nuovo e lo riportano là da dove era partito, fino a quando, ancora una volta, un avvenimento fra il magico e il prodigioso gli indica quella che è la via, definitiva questa volta, da seguire. Dardano alla totale mercè del destino o " del volere degli dei" secondo il mondo a cui egli appartiene. Ben scritta la storia d'amore fra Dardano e quella che diventerà la sua sposa e commovente è la storia, anch'essa tenerissima, fra Agilla e Trasimeno. La lettura scorre facilmente rendendo il libro una interessante e positivo passatempo- ( Corinne)

  • User Icon

    Angelo Vert.a

    07/12/2015 18:48:26

    Sono diventato lettore dello scrittore e dopo Syracusa, il primo libro che letto, ho apprezzato anche DODICI CITTA'. Ho una conoscienza superficiale degli Etruschi e del loro mondo, la lontananza geografica divide i nostri "universi"! Tuttavia ho scoperto che in fondo in fondo essi potrebbero esserci ( a noi siciliani), se non proprio fratelli, almeno cugini prendendo per vera la leggenda ( sicuro che sia una leggenda?) del "popolo venuto dall'Asia Minore -dalla Licia"- mi tornano in mente ricordi scolastici che proponevano la figura di Enea che portando sulle spalle il vecchio padre Anchise e tenendo per mano il figlioletto Ascanio fuggiva da Troia in fiamme! Chissà! Le peripezie di Dardano mi hanno portato ad incuriosirmi a loro, alla loro cultura e alle loro abitudini. Questi romanzi di ambientazione storica servono anche a questo, se riescono a stimolare curiosità significa che hanno svolto un compito e una funzione che sono importanti. Le vicende narrate in "Dodici Città" sono quasi coeve (che rappresentano 250 anni circa di differenza in questo contesto?) a quelle già raccontate, in altro libro, dallo stesso Autore con le stesse capacità narrative e descrittive che gli sono proprie e che rendono la lettura piacevole anche in questo caso. Mi è piaciuta - colpito - la "storia" fra Agilla e Trasimeno (immagino che l'ambientazione descritta si riferisca all'odierno lago ) e mi è piaciuta la figura di Dardano- il protagonista- disturbato da interrogativi ( è etrusco? E' romano?) dubbioso sulla sua collocazione identitaria. ( Angelo V.)

  • User Icon

    Annalisa D. Perugia

    28/11/2015 17:56:37

    "Dodici città "è un libro di un autore, mio concittadino, che ho scoperto da poco tempo. Ho acquistato questo libro insieme ad altri durante lo svolgimento di una kermesse che si è tenuta di recente a Perugia. Ed è stata una bella scoperta: leggo con piacere questi libri di ambientazione storica che mi avvolgono in un'atmosfera d'altri tempi e riconosco all'autore una capacità d'espressione che mi convince, mi piacciono le storie che scrive ambientate nella mia città o che fanno riferimento ad essa. In questa storia si intravedono luoghi che un perugino/a purosangue non stenta a riconoscere e questo mi fa immenso piacere D'altra parte come non riconoscersi nel grande popolo etrusco dal quale discendevano/dono i "perugini"? Hanno una storia alle spalle che non è conosciuta ai più e abbastanza avvincente che meriterebbe di essere approfondita da un pubblico più vasto. E benvengano queste storie che contribuiscono a questo! Dardano è un giovane etrusco, figlio di una Etruria che oramai ha fatto il suo tempo e sta per essere assimilata alla nuova potenza nascente: Roma. La storia che l'autore ci narra lo vede in bilico su un'altalena di sentimenti e dubbi: chi è in realtà Dardano? Come si sente? E' Etrusco perchè svezzato in Etruria? Oppure è romano dopo averne assimilato la cultura ed essere stato educato in quel mondo? La narrazione corre su questo binario fino a quando un fatto, che gli Etruschi considerano magico, lo porta a determinare la scelta, ed è in questa maniera che si ritrova nel grande esercito messo su dal re etrusco per combattere contro i romani ! Proprio lui che ha preso in moglie una donna di Roma e ha casa in Perugia. In questa narrazione prendono vita le vicende di leggende, ancor a vivide fra gli abitanti le rive del lago Trasimeno, di Agilla, ninfa lacustre morta di mal d'amore. E' un ottimo romanzo assolutamente da leggere.

  • User Icon

    "Dodici città" è un'altro racconto dello scrittore che si legge con piacere. Anche in questo caso egli incornicia la storia nel mondo antico: quello Etrusco questa volta. Ha come protagonista Dardano, un trovatello di origine non certa (forse è umbro?) che viene cresciuto in una famiglia etrusca abbastanza agiata e ne assorbe la cultura tanto che si sente, per sua definizione, etrusco a tutti gli effetti. Coltiva amicizie profonde che sarà costretto a lasciare quando, improvvisamente, viene inviato a Roma come garante di una alleanza politico-militare.Il mondo per Dardano si stravolge completamente! Solo, in una città sconosciuta! Piano piano Roma compie il miracolo e Dardano ne comincia ad assorbire l'atmosfera, gli odori e la cultura anche per merito di una ragazza romana che via via diventerà importante: la sposa nientemeno. Ma la vita corre via e le vicende con essa, divenuto adulto si considera ormai cittadino romano, ha una professione che gli permette di guadagnare...quando... ancora urna volta, deve lasciare tutto e tornare nella città da dove era partito. Ritroverà gli amici che aveva lasciato e, per effetto di vicende che lo scrittore ben descrive, si troverà a combattere nella grande armata etrusca contro l'esercito romano nel quale militano, anche in questo campo, amici stimati e non dimenticati. E' una vicenda che vede l'amicizia come valore e grazie ad essa trionfano nobili sentimenti. Sono ben descritte le usanze etrusche legate agli "aruspici" e a quella particolarità, caratteristica di quel popolo, d' interrogarsi sul "volere degli dei". Il titolo del libro prende nome dalle dodici città etrusche che formarono la Dodecapoli che, unite in una alleanza, governarono il territorio dell'Etruria prima della sua annessione definitiva a Roma.

  • User Icon

    Carlotta T 90

    10/11/2015 18:54:59

    Ho letto con interesse il libro, l'autore già lo conosco avendone apprezzato i precedenti lavori già pubblicati; in quest'ultima fatica trovo che la sua maniera di scrivere sia diventata ancora di più "descrittiva" rispetto agli altri. E la cosa non mi dispiace affatto; apprezzo la capacità che possiede nel descrivere il "mondo", quello etrusco nello specifico, così legato alla religione tanto da diventare un'unica "cosa" con il vissuto. Del resto che gli Etruschi fossero visceralmente legati all'aldilà è cosa notoria! Le tombe ne sono testimonianza. Dardano, il protagonista, nato umbro , cresciuto nel mondo etrusco dove coltiva amicizie che sono determinanti nel corso della sua vita, e della storia narrata, viene a conoscenza della cultura romana che lo fagogita e lo assorbe fino al punto di prendere in moglie una donna romana; Roma gli dà l'opportunità d'inserirsi nel quotidiano, coltivare nuove amicizie e vivere un'altra vita, senza però mai dimenticarsi del suo"mondo" d'origine; e quando le vicende della vita lo portano a dover fare una scelta, sceglie, con rammarico, senza alcun rancore e suo malgrado il "suo" mondo dove ritrova gli amici di un tempo. E' una bella storia che fa vivere figure legate alla tradizione mitologica ( Agilla e Trasimeno) con altre reali come Porsenna, figure della tradizione culturale romana come Muzio Scevola ad altre come Tarquinio, ultimo Re di Roma, cacciato dal popolo, rancoroso e vendicativo. Sono ben descritte le "usanze" del mondo etrusco quelle stesse "usanze" che portano quel mondo, per effetto di un fatto che per esso sa di prodigioso, a considerare il protagonista Dardano " un segnato dagli dei" e quindi degno di massima considerazione. E' un bella storia che consiglio di leggere.

  • User Icon

    Helga Battaglini

    31/03/2015 14:25:40

    Mi è piaciuto. Ben documentato e ben costruito, ottima l'intersecazione fra il poco che si sa e il molto che si può immaginare. Bella la caratterizzazione della superstiziosità degli etruschi e i collegamenti al mito. Dardano, il protagonista, è un bel personaggio. L'autore ha colto un aspetto della cultura romana poco noto e poco celebrato ma importantissimo, quello che preferisce la pace e la vita tranquilla e operosa alla conquista e alla battaglia. Ci si cala veramente nell'epoca...Tra le donne preferisco Agylla, è una bella figura, mi piace come passa dalla sopportazione all'accettazione del suo ruolo di sacerdotessa impostogli dalle coincidenze. Il culto lunare del quale è custode è veramente affascinante. Non è esistito, ma chissà, forse nei meandri di qualche culto carico di misteri...Sui misteri, specie in campo femminile, notturno e "lunare" non si sa proprio tutto...

  • User Icon

    Alfio Verzì

    02/01/2015 13:35:35

    Ho acquistato il libro alla manifestazione "PiùlibriPiùliberi" di Roma ed avuto simultaneamente occasione di conoscere il giovane autore. Essendo un "romanzo" storico e non un saggio trovo normale la presenza di invenzioni letterarie ma la sua lettura mi ha piacevolmente riportato a quando a scuola si studiavano i personaggi e gli avvenimenti narrati nel libro e che le nuove generazioni sconoscono completamente. Ho trovato il racconto scorrevole ed avvincente, sicuramente apprezzabile dagli amanti del genere. Alfio

  • User Icon

    Emanuele

    28/10/2014 12:35:13

    Come e' caratteristica dell'autore, Le 12 Citta' e' una lettura intrigante e ricca, sia nel linguaggio sia nell'accuratezza dei dettagli. La trama non la trovo affatto banale, anzi. Il libro vuole essere un romanzo storico, non un libro di storia. Il protagonista si muove in un contesto reale che l'autore ha evidentemente studiato bene incastonando, anche in modo audace, la trama frutto di fantasia e la storia, come in un puzzle ben riuscito. Ho trovato la lettura piacevole ed avvincente tanto che, colto dalla curiosita' degli eventi narrativi, ho finito il testo in pochissimi giorni. Forse non si trattera' dei Promessi Sposi, ma Le 12 Citta' e' una piacevolissima lettura che vale il prezzo di costo. Assolutamente consigliato.

  • User Icon

    Elisa Servettini

    07/10/2014 11:41:07

    Libro mediocre, storia troppo lunga e noiosa! Parla per lo più di cose inventate completamente che hanno poco o niente legame con i fatti storici realmente accaduti! Un consiglio... se volete leggere libri realmente storici e avventurosi non è questo l'autore più indicato!

  • User Icon

    mauro

    10/09/2014 17:37:29

    romanzo corale e avvincente. Dardano, nato umbro etrusco adottivo e di cultura romana unisce il Mondo dell'epoca, un antesignano della società multietnicva di oggi. Interessante anche la ricostruzione del mondo etrusco-romano dell epoca.

  • User Icon

    Federico

    05/09/2014 14:48:50

    Libro inizialmente lento per le prime pagine, escludendo il prologo, poi però mi ha preso abbastanza, le descrizioni sono accurate e pure la trama, specie per gli appassionati di quel periodo storico, è affascinante e fatta bene. molto bella anche l' idea di dare una spiegazione alla nascita di alcuni nomi quali il lago Trasimeno e altri che non elenco per non spoilerare troppo. risultato? libro molto carino, che consiglierei agli appassionati di storia antica ^^

  • User Icon

    primo scarchini

    02/09/2014 10:20:07

    La storia è intrigante e accattivante, fin dal prologo che catapulta il lettore nel pieno dell'azione. Pur essendo un libro corposo, i colpi di scena che si susseguono pagina dopo pagina lo rendono nient'affatto pesante, tanto che personalmente l'ho letto in pochi giorni. Originale l'ambientazione (l'Etruria e la Roma più arcaica, nel momento del passaggio tra la monarchia e la repubblica), ben caratterizzati i personaggi; originale anche l'intreccio di storia e mitologia, con l'autore che reinterpreta una serie di miti e leggende più o meno conosciute, da quella celebre di Muzio Scevola che mise la mano sul fuoco dinanzi a Porsenna (da cui il famoso detto "potrei metterci la mano sul fuoco"), a quella meno nota ma altrettanto accattivante di Agilla e Trasimeno. La stile è efficace, certo molto dettagliato, ma soprattutto chi ama il genere avrà l'impressione di trovarsi nel bel mezzo della vicenda, respirando e vedendo quel che vedono i personaggi.

  • User Icon

    Elisabetta Nanni

    31/08/2014 16:28:21

    Non conosco personalmente l'autore del libro ma il romanzo mi risulta essere eccessivamente lungo nella trama e un pò noioso nella scrittura. Speravo decisamente meglio e lo credevo molto più avvincente e avventuroso. Il protagonista( un certo Dardano, un fabbro etrusco) è poco originale e caratterizzato. Pecca nel raccontare tante cose più o meno veritiere e storiche ma in maniera confusionaria. Peccato, troppa carne al fuoco che alla fine risulta essere indigesta anche per i lettori più affezzionati al genere.

  • User Icon

    Antonio Lipari

    29/08/2014 12:45:04

    Romanzo mediocre privo di originalità e noioso sin dalle prime 30 pagine. Non mi è piaciuto per niente

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione