Domani è troppo tardi (DVD)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Leonide Moguy
Paese: Italia
Anno: 1950
Supporto: DVD

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 12,88 €)

Mirella è un’adolescente segretamente innamorata di Franco. Durante un’escursione, sorpresi da un temporale, si rifugiano in un casolare. Franco accende un fuoco ed invita Mirella a togliere la camicetta per farla asciugare. Poi prendono sonno. Mirella teme le reazioni della direttrice della colonia, che infatti la sgrida duramente. Nel frattempo riceve la notizia dell'arrivo dei genitori: a quel punto, disperata, tenta il suicidio. Sarà proprio Franco a salvarla, dichiarando l’innocenza della ragazza e il suo amore per lei.
  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Cinema & Cultura, 2018
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Durata: 98 min
  • Lingua audio: Italiano; Francese
  • Lingua sottotitoli: Italiano forced
  • Formato Schermo: 4:3 1,33:1
  • Lois Maxwell Cover

    Nome d'arte di L. Ruth Hooker, attrice canadese. Arrivata in Europa recitando negli spettacoli dell'Army Entertainment Corps della Royal Canadian Army, in cui si arruola ancora quindicenne, a Londra, dove viene scoperta la sua vera età, si iscrive alla Royal Academy of Dramatic Arts. Nel 1946 si trasferisce a Hollywood dove esordisce sul grande schermo e vince con uno dei suoi primi film – Età inquieta (1947) di P. Godfrey, in cui lavora al fianco di S. Temple – il Golden Globe per la miglior attrice debuttante. Dagli anni '50 fino alla fine degli anni '80 partecipa a numerose pellicole ed episodi di serie televisive, e raggiunge grande notorietà soprattutto con il ruolo di Miss Moneypenny, la segretaria del capo dei servizi segreti britannici, che interpreta in quattordici film dedicati a... Approfondisci
  • Gabrielle Dorziat Cover

    Attrice francese. Sale sul palcoscenico a cinque anni per trascorrervi tutta la giovinezza, in un lungo apprendistato che le fornirà un bagaglio recitativo pressoché completo. Il cinema la chiama stabilmente dalla seconda metà degli anni '30, a partire da Mayerling (1936) di A. Litvak. Per quanto poco fotogenica, negli oltre sessanta film della sua carriera interpreta ogni tipo di carattere (dalla donna dispotica alla creatura amabile) in ruoli secondari, padroneggiando sempre la tecnica e le intenzioni del personaggio assegnatole. La si ricorda in I parenti terribili (1948) di J. Cocteau e in Quando torna l'inverno (1963) di H. Verneuil. Approfondisci
Note legali