Dona Flor e i suoi due mariti - Jorge Amado - copertina

Dona Flor e i suoi due mariti

Jorge Amado

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Elena Grechi
Editore: Garzanti
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 19 settembre 2003
Pagine: 524 p., Rilegato
  • EAN: 9788811682042
Salvato in 96 liste dei desideri

€ 17,00

€ 20,00
(-15%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Dona Flor e i suoi due mariti

Jorge Amado

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Dona Flor e i suoi due mariti

Jorge Amado

€ 20,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Dona Flor e i suoi due mariti

Jorge Amado

€ 20,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il romanzo ruota attorno alla vedovanza di dona Flor e al suo lutto stretto, vissuto nel ricordo di Vadinho, delle loro ambizioni, del fidanzamento e dello sposalizio. Coglie l'intimità della giovane vedova, il suo riserbo, le sue notti insonni e la sua insoddisfazione. Racconta di come arrivò onorata al suo secondo matrimonio, quando il fardello del defunto cominciava a pesare sulle sue spalle, e di come visse in pace e armonia, senza dispiaceri né soprassalti, con suo bravo secondo marito, nel mondo della farmacologia e della musica. E mentre lei brilla nei salotti e il coro dei vicini le ricorda la sua felicità, Vadinho, nel suo corpo astrale, la visita, la corteggia, le elargisce gioie eccezionali e consigli formidabili.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,85
di 5
Totale 47
5
25
4
7
3
5
2
3
1
7
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    AdrianaT.

    16/07/2020 07:50:22

    «Tutto xixica per passare il tempo; permanente solo tu, Flor, mio fior di maggiorana...» Un triangolo amoroso che di classico non ha niente. A dire il vero, è parecchio ripetitivo. Lo trovo ribadire concetti semplici e chiari già di primo acchito, più e più volte. Forse bastava meno, da quel buon narratore che era, ma probabilmente il suo divertimento stava proprio in tutta questa affabulazione che non manca certamente di fluidità. Ed è per questo che, pur non essendo eccelse, le seicento pagine scorrono che quasi non te ne accorgi, forse anche grazie alla diluizione, che però non fa di questo un romanzo annacquato o un brodo allungato, bensì una radler media (birra e lemonsoda) sorbita con ghiaccio e con gusto “soto 'l pin”. Scrittore godereccio da leggerne ancora; magari qualcosa di meno prolisso. «Lui è il marito della signora dona Flor, si occupa della tua virtù, del tuo onore, del tuo rispetto umano. Lui è il tuo volto mattutino, io sono la tua notte, l’amante di fronte al quale non hai né possibilità di fuga, né forza. Siamo i tuoi due mariti, i tuoi due volti, il tuo sì e la tua negazione. Per essere felice hai bisogno di tutti e due. [...] Te l’ho detto che saremmo stati bene insieme, tutti e tre.»... Quanta saggezza!

  • User Icon

    Ross

    12/05/2020 23:27:06

    Amado più che uno scrittore é un pittore. Non é un romanzo ma una pittura immensa di Bahia. Cultura, costumi, cucina e magia, vi é tutto. Mi sono innamorata di questo romanzo e ancor più del film che ne fu tratto. Se si ama il Brasile non si può far a meno di leggerlo vedrete che troverete molte attinenze con il nostro Sud. Buona lettura

  • User Icon

    Claudia D

    11/05/2020 22:07:21

    Il mio primo libro del grande Amado. Irrinunciabile.

  • User Icon

    lucy in the sky

    19/05/2019 14:52:20

    E' senz'altro un libro carino, scorrevole, forse si dilunga troppo nel finale, con episodi ripetitivi e non necessari. Tutto ruota attorno alla Dona Flor del titolo e alla sua vita coniugale, prima con il dissipato Vadinho e poi con un serio e morigerato farmacista. La storia si muove su binari plausibili e realistici per lunghi tratti ma poi entrerà in gioco un elemento "magico" a vivacizzare il tutto. I personaggi sono tutti un po' macchiettistici ma simpatici; le figure femminili, sensuali, pragmatiche e volitive, ricordano per molti aspetti le protagoniste dei film di Almodovar. A parer mio i punti di forza del romanzo sono la coralità con cui viene presentato l'intreccio (conosciamo diversi punti di vista sulla vicenda narrata e tutti insieme ci permettono di costruirci in'immagine tridimensionale della storia) e il garbo con cui viene introdotto l'elemento magico, senza inutili sensazionalismi, ma con ironia e misura.

  • User Icon

    Debora Gallo

    23/09/2018 08:34:30

    Divertentissimo! Non ostante le dimensioni del libro, l'ho letto assiduamente sul treno nel tragitto casa-lavoro. La qualità della scrittura (e della traduzione...) rapisce, e ti catapulta in Brasile! La trama è semplice, ma la cornice arricchisce in maniera soddisfacente questa lettura, che, pur non essendo di spessore e profondità, lascia un sentimento di allegria che ti accompagna per tutta la durata del libro. Da leggere!

  • User Icon

    Tower73

    20/03/2018 13:11:52

    Libro lungo ma lettura che scorre via veloce, letto una decina di anni fa e ancora me lo ricordo con affetto, lettura consigliatissima

  • User Icon

    manuela

    05/06/2016 06:37:08

    L'ho preso convinta di respirare l'aria di Bahia che ho adorato. Amado è molto capillare nelle descrizioni dei luoghi, sentimenti e persino dei cibi baiani ma ripetitivo in maniera esasperante. Avrebbe potuto risparmiare 200 pagine se non avesse ripetuto sempre le stesse cose. L'ho letto fino in fondo perchè non mi piace lasciare i libri a metà ma ho fatto una fatica enorme!!!

  • User Icon

    Irene

    16/09/2015 08:34:31

    Adoro Jorge Amado perchè è completamente diverso da tutti gli altri autori sudamericani che invece, molto spesso, mi hanno lasciata perplessa con le loro acclamatissime opere. E' un narratore per intelletti raffinati, la cui grande maestria sta, innanzitutto, nella straordinaria capacità di descrivere l'universo femminile meglio di quanto una donna potrebbe mai fare e, secondariamente, nel riuscire a far divertire il lettore strappandogli moltissimi sorrisi imprevisti. Non ci sono emozioni ossessive e grottesche, ma tutto, anche i momenti più tragici della vita, viene raccontato in maniera tale da non lasciare angoscia, ma un ben più istruttivo sorriso amaro. Un grandissimo romanzo corale dal sapore di mare, di samba, di sole, di deliziose pietanze appena cucinate. Lasciate perdere i voti bassi ( del tutto incomprensibili ) e partite immediatamente per Bahia! ;)

  • User Icon

    Massimo65

    18/04/2014 16:03:00

    La vera blasfemia è affermare che Jorge Amado e il libro "Dona Flor e i suoi due mariti" siano noiosi e prolissi. Signori, non voglio essere filo brasiliano a tutti i costi, la letteratura di Jorge Amado va contestualizzata al periodo e al luogo nei quali venegono raccontati i personaggi. Ma qui l'autore ci prende per mano e ci conduce nelle viscere di Bahia. E' un divertimento, un'orgia di odori, suoni, sensazioni, sapori, colori, è l'ironia della vita e della morte, il finale è geniale. E scusate se è poco!

  • User Icon

    Laura

    13/06/2013 12:51:38

    Consigliatomi come un libro assolutamente da leggere, sono arrivata in fondo solo per caparbietà. L'ho trovato pesante, ripetitivo, senza quella magia e quel senso del magico presente in molti autori sud americani. Noioso

  • User Icon

    Elisa

    20/02/2013 10:45:03

    Per chi ama il Brasile e la sua cultura, soprattutto la sua anima africana, è una pietra miliare. E' pieno di rimandi alla religione afrobasiliana, ai costumi e alla musica dell'epoca, alla cucina bahiana. Per me è stato il primo romanzo di Amado, da lì ho approfondito fino ad esaurire quasi tutta la sua bibliografia. In questo romanzo non c'è l'Amado politico che si trova in altri libri, ma ci sono i colori, i suoni, i profumi della terra bahiana e l'allegria dei suoi abitanti.

  • User Icon

    taty

    30/10/2012 09:21:09

    soporifero e noioso... abbandonato dopo una cinquantina di pagine!

  • User Icon

    Diana

    22/09/2012 09:02:07

    Decisamente al di sotto delle aspettative. Amado spende la totalità degli sforzi per esaltare il deificato Vadinho, che nella parte finale diventa scocciante ai limiti dell'insopportabilità, mentre gli altri personaggi non sono che macchiette. Dona Flor è scialba ed insipida (ma molto ninfomane), senza carattere, niente di paragonabile ad altre eroine come Teresa Batista. Il tutto ruota intorno alla fame primordiale di sesso dei personaggi, ma non essendoci trama, diventa piuttosto noioso. Per fortuna Amado ha scritto ben altri capolavori.

  • User Icon

    elena

    18/07/2012 14:57:44

    un capolavoro assoluto. stile fluido e variopinto, capacità di catturare il lettore in atmosfere oniriche e dense di magia e passione, ma al tempo stesso analisi profonda dei moti del cuore umano, così come dei misteri della vita e della morte. l'ambientazione è affascinante, i personaggi irresistibili, tutta la vicenda - per se drammatica - è condita da un'ironia che diverte e coinvolge. mai come in questo caso, "eros kai thanatos".

  • User Icon

    moneypenny

    26/12/2011 23:38:20

    Comincia diventente; diventa ripetitivo e di una noia mortale descrivendo puttanieri e puttane di ogni genere, colore, razza, tipo; i sapori di bahia che ormai ho imparato a conoscere si riducono alla sciosciotta/topina/pelatina (vedi alla voce f..a, sopratutto se assagiate il caviale la prima volta ehe ehe); Dona Flor è una povera deficiente che rimpiange un biscazziere/puttaniere che tutte le donne normali si augererebbero di veder sparire al più presto; la bestemmia a pagina 463 del libro (che la traduttrice Elena Grechi si premura di precisare di essere in italiano nel testo), non per fare i moralisti MA SI POTEVA OMETTERE!

  • User Icon

    Mary

    26/02/2011 13:01:09

    E' uno dei più bei libri che abbia mai letto. Devo riconoscere che, come riportato da altri commenti, a volte è un pò prolisso, però vale assolutamente la pena superare quelle pagine perchè il finale è fantastico, ma non solo il finale...la seconda metà del libro è secondo me più avvincente della prima e addirittura mi ha fatto venire voglia di andare a visitare la città di Bahia! Non vi arenate, nè scoraggiate nei punti un pò più descrittivi e meno movimentati: il finale vi ripagherà!

  • User Icon

    unalettrice

    06/02/2010 12:54:24

    l' ho cominciato, ma non riesco ad andare avanti: è di una noia mortale!

  • User Icon

    lapo

    10/01/2010 18:51:55

    Dona Flor è calore, musica e carnalità. È riso e pianto, inciuci, chiacchiere e rivelazioni. È magia e genialità. Dona Flor è sole e vita. È un romanzo strepitoso che avvolge nella sua sensualità e non annoia mai.

  • User Icon

    arianna

    14/10/2009 12:55:45

    parlare bene di amado è obbligatorio... parlarne male è politicamente scorretto...ma che noia questa dona flor: libro verboso... tagliare, tagliare...

  • User Icon

    Antonio

    10/10/2009 23:21:25

    Jorge Amado inizia come un fiume in piena che nel suo percorso si suddivide in mille rivoli e ogni rivolo è una storia, non una storia qualsiasi, ma una storia brasiliana. Perchè tutta la vicenda, diciamo la verità, se fosse successa a Cinisello Balsamo avrebbe avuto un altro sapore, non certo il sapore della cucina esotica di Donna Flor. Il romanzo è per questo molto godibile anche se la trama in sè è molto semplice. Peccato che verso la fine, quando scade nell'esoterico, si avverta chiaramente una caduta di ritmo. Comunque grande Amado!

Vedi tutte le 47 recensioni cliente
  • Jorge Amado Cover

    Scrittore brasiliano. L’impegno sociale e politico che ispira i primi romanzi ha il suo supporto in una vita di militante di sinistra che gli procurò più volte il carcere e l’esilio e infine l’elezione a deputato del partito comunista brasiliano. Nel 1946 ottenne il premio Stalin per la letteratura. Amado si affermò giovanissimo con Il paese del carnevale (O pais do carnaval, 1931), in cui già si delinea la sua fisionomia di narratore realista, incline a una sorta di populismo romantico, legato alla gente e ai problemi della sua terra bahiana; seguirono Cacao (Cacau, 1933), Sudore (Suor, 1934), Jubiabá (1935), Mar Morto (1936), Capitani della spiaggia (Capitaes da areia, 1937), Terre del finimondo (Terras do Sem-fim, 1943), la trilogia I... Approfondisci
Note legali