Categorie
Traduttore: L. Della Croce
Editore: EDT
Collana: Autori e opere
Anno edizione: 1987
Pagine: 416 p.
  • EAN: 9788870630473

25° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Cinema, musica, tv, spettacolo - Musica - Stili e generi - Classica occidentale

€ 22,95

€ 27,00

Risparmi € 4,05 (15%)

Venduto e spedito da IBS

23 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello


scheda di Baricco, A., L'Indice 1987, n. 7

A quasi un anno dalla pubblicazione di un primo volume, strettamente biografico, l'EDT dà alle stampe la seconda parte della ricca monografia che lo studioso americano William Ashbrook ha dedicato a Donizetti: quattrocento pagine consacrate alla ricostruzione della parabola artistica del compositore bergamasco, scandita da ben sessantasei titoli e dispiegata a 360 gradi dal frizzante sentimentalismo dell'opera buffa ai fasti seriosi del Grand-opéra. Come si può intuire trattasi di un lavoro immane: Ashbrook vi attende con puntigliosa precisione, devota completezza e contagiosa passione. Sotto la sua penna (non elegantissima) prende forma l'enorme mondo sommerso dove affondano le radici dei capolavori donizettiani: decine di opere per lo più ingoiate dall'oblio, venate di facile conformismo e bagliori di genuino talento. Ne emerge la figura di un artista discontinuo, assediato dai fantasmi dei suoi modelli (Mayr e Rossini), ma pervicacemente lanciato verso il sogno del successo, forte di un'inventiva instancabilmente feconda. Di facile e utile consultazione, il libro va considerato senz'altro come una preziosa e tempestiva acquisizione per l'editoria italiana d'ambito musicologico.

In questo volume - che segue quello dedicato alle vicende biografiche (Donizetti, La vita, EDT) - Ashbrook prende in esame i molteplici aspetti della vasta produzione operistica del compositore bergamasco. Due capitoli introduttivi, di particolare rilievo critico, sono dedicati, rispettivamente, ai rapporti con il teatro d'opera del suo tempo e con gli immediati predecessori (il suo maestro Mayr, e soprattutto, Rossini) nonché con i suoi contemporanei (in particolar modo Bellini) e all'uso originale che egli fece delle convenzioni teatrali. Tutte le opere sono poi studiate dettagliatamente, in ordine cronologico. In appendice una schedatura completa riporta per ogni composizione la trama, il cast della prima rappresentazione e i dati sulla collocazione delle partiture autografe. Infine, un "dizionarietto" dei librettisti che collaborarono con Donizetti e una sezione dedicata alle opere rimaste incomplete.