La donna dalla coda d'argento

Hernán Huarache Mamani

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 17 agosto 2017
Pagine: 386 p., Brossura
  • EAN: 9788804682912
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Rigus68

    10/10/2018 17:16:35

    Quando eravamo giovani, i nostri pellegrinaggi erano rivolti all’India, sulle orme di Herman Hesse (Siddhartha), alla ricerca della filosofia buddista o nei monasteri tibetani, alla ricerca dell’illuminazione trascendentale. Ora sappiamo di aver sbagliato tutto: era il Perù, non l’India, il luogo di pellegrinaggio, poiché ivi il Nirvana vale almeno il doppio che in India. Non è un romanzo, questo volume di Huarache Mamani, bensì un minestrone in cui sono mescolate le erbe e gli aromi più disparati, in stridente contrasto tra di loro. Tra questi: (a) fiabe per bambini (troppe); (b) Precetti religiosi (e non) tratti dalla catechesi; (c) norme di vita civile (e incivile) tratte dalla Bibbia; (d) storie di maltrattamenti di donne nella vita coniugale (tratte dai registri delle associazioni di difesa delle donne); esercizi ginnici (tratti dai rispettivi manuali sportivi, con, come valore aggiunto, norme per potenziare la propria sessualità); notizie turistiche su Lima, Cuzco e l’ambiente peruviano (tratte dalle tante guide turistiche pubblicate); atti eroici per diventare femmine perfette e dominatrici (cavalcare stalloni allo stato brado e domarli con uno schiocco delle dita; saltare in groppa a un toro scatenato, afferrarlo per le corna e piegarlo a terra; percorso labirintico in tunnel buio; funambolismo su fune tesa su un lago andino …). Dulcis in fundo, la possibilità, per le più perseveranti, di arrivare al “coito sacro” con il curandero personale, non necessariamente Tata Sabino, c’è una lunga lista di sacerdoti del sesso che “si accoppiavano per ore e ore con i loro discepoli”. Donne che aspettate ad imbarcarvi sul primo aereo per il Perù? Oppure per il New Mexico, dove, secondo Rudolfo Anaya (la Magia di Ultima, 1972, tradotto da Giunto nel 1996) esistono curandere altrettanto valide. Che Mamani abbia dato una sbirciatina a questo romanzo? Forse no perché quest’ultimo è ben più filante e leggibile.

Scrivi una recensione