La donna perfetta

Ira Levin

Traduttore: M. Ricci Dèttore
Editore: BEAT
Collana: Superbeat
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: 183 p., Brossura
  • EAN: 9788865590140

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gabriella

    23/11/2017 20:40:54

    Ira Levin La donna perfetta .Pubblicato la prima volta nel 1972 in piena rivoluzione femminista "The Stepford wifes" ritorna con la Superbeat edizioni uno dei capolavori di Ira Levin gia autore di Rosemary's baby. Apparve in piena rivoluzione femminista racconta la reazione maschilista al fenomeno femminista dell epoca. Nonostante quarant anni é ad oggi ancora attuale e come riporto il New York Times apparve allora come "agguato al movimento di liberazione della donna, un irresistibile racconto moraleggiante sulla rivincita degli uomini". Con introduzione di Palahniuk é una metafora sociale che ha anticipato I tempi di oggi. Sotto forma di un lungo racconto e con una suspence costante Levin ci introduce nella idilliaca cittadina di Stepford dove le donne sono straordinariamente perfette. Metafora sociale piu che mai attuale a tratti quasi horror. Ne era stato tratto anche un film di cui di bello soltanto la bravissima Nicole Kidman Da leggere.

  • User Icon

    Guido

    10/05/2014 14:12:20

    Mi stupisco che la riedizione di uno dei titoli più noti della letteratura "gotica" americana come The Stepford wives (1972) non sia stato ancora commentato su questo sito (per la verità, su qualche blog letterario se ne è parlato). Forse il libro ha scontato il fatto di essere stato ripubblicato da una casa editrice minore, o forse di aver adottato un titolo ripreso da un film penoso (salvo il fatto che la protagonista è la Kidman), solo apparentemente ispirato al racconto di Levin, ma che con un finale totalmente cambiato in senso "buonista" ne stravolge sia l'atmosfera "horror" sia l'argomento di forte critica sociale (la reazione maschile al femminismo allora imperante). Peccato, perché la centratissima metafora maschilista, la crescente atmosfera di suspence (in cui Ira Levin è un maestro: non a caso è l'autore del celebre Rosemary's baby), dialoghi e situazioni sorprendentemente moderni (il libro non dimostra i suoi 40 anni), rendono ancora attuale questo piccolo capolavoro. Unico neo è forse lo schematismo di alcune situazioni e personaggi, ma ciò deriva dal fatto che più che un romanzo The Stepford wives è un racconto lungo e che all'autore interessava soprattutto la metafora sociale (nascosta dietro un sapiente plot horror). Il voto sarebbe 4,5, ma gli dò il massimo come incoraggiamento (a leggerlo).

Scrivi una recensione