Il dottor Jekyll e il signor Hyde

Robert Louis Stevenson

Traduttore: M. Gallone
Editore: Bompiani
Edizione: 2
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
In commercio dal: 8 maggio 2002
Pagine: 103 p.
  • EAN: 9788845251641
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 3,24
Descrizione
Scritto nel 1886 e divenuto un classico della letteratura, "Il dottor Jekyll e il signor Hyde" possiede ancora oggi un fascino terrorizzante e avvolgente. Da quella brumosa notte inglese di cento anni fa, metafora di una artificiosa ma civilizzatissima contrapposizione tra bene e male, tra natura e morale, si affaccia minacciosa la paura dell'improvvisa perdita dell'identità e della coscienza di sé.

€ 3,24

€ 6,00

3 punti Premium

€ 5,10

€ 6,00

Risparmi € 0,90 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mattia

    08/09/2009 09:55:14

    bel libro consiglio vivamente di leggerlo! e sono d'accordo con quello che hanno detto gli altri e non serve aggiungere altro

  • User Icon

    g1onny89

    07/10/2006 13:10:32

    Da premettere che non conoscevo la storia,che ormai conoscono tutti anche senza leggere il libro, comunque penso sia stato un vantaggio per me non conoscerla in quanto la storia che è ad dir poco fantastica mi è rimasta in pressa nella mente e penso che sia un libro che tutti dovrebbero avere nella propria libreria.LEGGETELO...E NON VE NE PENTIRETE.

  • User Icon

    PATRIZIA

    13/01/2005 17:46:51

    HO DATO 4 A QUESTO LIBRO PERCHè LA STORIA DEL DOTT. JEKYLL E DI MR. HYDE E' ATTUALMENTE TROPPO CONOSCIUTA E GIA' PRIMA DI LEGGERLO SAPEVO QUALE FOSSE LA FINE E NON C'E' STATA IN ME QUELLA SORTA DI CURIOSITA' IN PIU' CHE AVREBBE FATTO IN MODO CHE GLI DESSI VOTO 5. E' IN OGNI CASO UN BELLISSIMO ROMANZO E AD AFFASCINARMI ANCORA DI PIU' E' STATO QUELLO CHE HO LETTO SU STEVENSON: ERA UN COCAINOMANE E SOFFRIVA DI UNA STRANA MALATTIA, NON SO DIRVI BENE IL NOME, E COMUNQUE PARTE DEL LIBRO LA SOGNAVA DI NOTTE E L'ALTRA LA SCRIVEVA MENTRE ERA DROGATO!STEVENSON VUOLE DIRCI DI NON AVERE RESTRIZIONI E DI ASSECONDARE IL NOSTRO ISTINTO PERCHè CIO' CHE VIENE REPRESSO DENTRO DI NOI SI MANIFESTERA' POI CON FORZA MAGGIORE COME E' SUCCESSO A JEKYLL!QUINDI FATE SEMPRE CIO' CHE CREDETE PIU' GIUSTO PER VOI!!!

  • User Icon

    Giorgio

    03/10/2004 20:34:18

    Nessuno ha mai veramente capito di che cosa questo libro veramente parla! Molte se ne sono dette, sono stati scomodati Freud e Jung, persino Borges sembra aver travisato il messaggio recondito di questa storia. Dopo aver vissuto a lungo in Ing., posso dire francamente che questo libro lo si può interpretare come una violenta critica agli effetti dell'abuso di alcol (birra nella fattispecie), e delle ripercussioni nell’interazione sociale (interpersonale) imprescindibilmente legata all’uso smodato di bevande alcoliche. Sostituite quel siero del dott. Jekyll con parecchie pinte di birra e figuratevi la situazione seguente, considerando che i pub inglesi, al momento della stesura del romanzo, non avevano limitazioni d’orario come quelli odierni. Al mio primo saggio svilupperò questa idea e altre in stile più consono. Arrivederci.

  • User Icon

    Alessandro

    21/09/2004 00:20:26

    Pietra miliare nell'universo dell'orror. L'unico difetto è il fatto che ormai sia di dominio pubblico e quindi se ne conosca già la fine. Leggerlo senza conoscerla renderebbe questo racconto qualcosa di indimenticabile.

  • User Icon

    MARIA

    07/09/2002 10:31:46

    E' un ottimo testo che come afferma Federica, anticipa le teorie di Freud, soprattutto nel concetto di Stevenson che in ognuno di noi si nasconde il lato negativo della nostra personalità. Infatti, anche nella persona più amabile e onesta, prima o poi può emergere l'aggressività e la bruttezza d'anima più abietta.

  • User Icon

    marco

    20/07/2002 10:03:18

    Federica non dimentichiamo Dostevskij! Molto bello

  • User Icon

    NICCOLO'

    15/07/2002 14:35:19

    condivido pienamente il giudizio di federica !

  • User Icon

    federica

    03/06/2002 11:14:15

    Questo libro è stato scritto ben 20 anni prima del momento in cui Freud scoprì l'inconscio; eppure Stevenson con le sue parole descrive benissimo sia la capacità di nascondere dell'inconscio sia le sua difese più forti. Dello sdoppiamento di personalità non se ne aveva ancora parlato a quell'epoca, ma attraverso l'espediente della droga Il DOTT. JEKYLL, riuscì a ""sfondare la porta della prigione dei suoi desideri più intimi, più nascosti" e meno accettabili civilmente. E' un libro bellissimo che appena lo inizi ti avvolge in una spirale di suspance e curiosità che ti portano in un poco tempo all'ultima pagina.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione