Dove finisce l'arcobaleno

Wilbur Smith

Traduttore: C. Brera
Editore: TEA
Collana: Best TEA
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 22 ottobre 2015
Pagine: 386 p., Brossura
  • EAN: 9788850241286

17° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Avventura

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
L'anno è il 1935, lo sfondo è l'Etiopia. La missione consiste nel condurre quattro decrepite autoblindo dapprima per mare, forzando il blocco navale inglese, quindi per centinaia di chilometri di deserto ostile e selvaggio fino ai pozzi di Cialdi, nel cuore del territorio etiopico che sta per essere invaso da Mussolini. L'arduo compito è affidato a due avventurieri, un americano e un inglese che agiscono per denaro, a una giornalista che ha sposato la causa degli oppressi e a un giovane dignitario etiope mosso da nobili ideali. Una missione densa di ostacoli e colpi di scena che salderà i destini dei quattro protagonisti in un unico sogno di speranza e libertà.

€ 5,86

€ 6,90

Risparmi € 1,04 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    juanfran

    28/03/2016 16:10:01

    Ho letto molti libri di Wilbur Smith e devo dire che questo, sicuramente tra i meno famosi, è uno di quelli che mi ha entusiasmato di più: la narrazione è molto scorrevole e si lascia leggere con facilità. Trama semplice ma per nulla scontata. Da leggere!

  • User Icon

    Claudio

    03/10/2015 20:56:27

    Wilbur Smith conferma ancora una volta la leadership nel campo della narrazione di avventure. Queste, oltre ad essere avvincenti e straordinarie, sono talmente verosimili che "istigano" il lettore ad andare alla ricerca di notizie sui fatti raccontati per saperne di più sull'argomento. In questo caso la colonizzazione africana di Mussolini. Ci fa anche capire il punto di vista di un popolo invaso da eserciti stranieri, purtroppo questione molto attuale ancora oggi. Un punto in meno come voto perché manca il finale. Insomma, l'autore sembra che abbia avuto fretta di terminare la storia, invece poteva "finirlo" in maniera più esaustiva e soddisfacente, anche con qualche pagina in più che non avrebbero di certo appesantito il volume.

Scrivi una recensione