Dove porta la neve

Matteo Righetto

Editore: TEA
Collana: Narrativa Tea
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
Pagine: 148 p., Rilegato
  • EAN: 9788850241644
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Con grande concentrazione e finezza di tocco, Matteo Righetto ci rende partecipi di una storia delicata e drammatica, tesa e commovente, la storia di un calore inaspettato scovato sotto un manto gelido di neve.

«Una delicata scrittura essenziale, propria d'un raccontare da prospettiva interiore.» - Ermanno Paccagnini, La lettura - Corriere della Sera

«Ha tutti gli ingredienti di un romanzo che si imprime indelebile: un’atmosfera magica, un ritmo incalzante, una vicenda poetica che nel finale sembra virare al giallo, ma poi cambia di nuovo e stupisce ancora.» - Corriere del Veneto

«In Righetto il binomio profondità e delicatezza percorre la pagina da cima a fondo.» - L'Arena

È la vigilia di Natale e Padova sta per essere coperta da una nevicata memorabile. Carlo, Down di 48 anni, come ogni mattina, da mesi, va a trovare la madre in clinica, dove si sta lentamente spegnendo assediata dai ricordi e dal bisogno di raccontarli. Nicola, 74 anni colmi di solitudine, ha appena perso il lavoretto che si era procurato come Babbo Natale davanti a un centro commerciale. Per Carlo, però, questo non può essere un Natale come gli altri e quando vede Nicola vestito di rosso e con la lunga barba bianca sente che il sogno può finalmente avverarsi: un vero regalo per la madre. Il suo clamoroso entusiasmo risveglia Nicola, che organizza un breve viaggio per realizzare quel sogno, e per illuminare con un gesto gratuito d'amore l'oscurità che stringe d'attorno. Una vecchia Fiat 124 si allontana da Padova dentro la notte di Natale: al suo interno due uomini soli e un po' incoscienti riscoprono la forza dirompente di un abbraccio…

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 13,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Claudio

    18/04/2018 12:52:04

    Carlo è down. Il padre, insegnante universitario, è morto da dieci anni. La mamma, maestra, originaria ladina vicino ad Arabba, ha ormai più di ottant'anni ed è da tempo ricoverata senza speranze all'ospedale di Padova. Qui la va a visitare ogni giorni Carlo e, ogni tanto, una ragazza venticinquenne, volontaria poresso le persone bisognose di assistenza. Nicola è vicino ormai agli ottant'anni; vive solo e si arrabatta con qualche lavoretto. Ultimamente, siamo ai giorni precedenti il Natale, impersona Babbo Natale davanti ad un supermercato tedesco, proprio di fronte alla casa di Carlo. Nicola perde il lavoro e Carlo vuol finalmente fare una sorpresa alla mamma. Partono sulla macchina di Nicola, una vecchia 124, per andare in "Lapponia". In realtà vicino a Monselice. Non ci arriveranno perché la neve scende troppo copiosa ma segnerà il grande rapporto tra iu due, come nel 1951 segnò la grande avventura della mamma di Carlo che doveva essere a Belluno alla prova del concorso da maestra.

  • User Icon

    susy

    04/12/2017 20:59:02

    Un bel libro, mi è proprio piaciuto. L'ho proposto a mia figlia di 14 ed è piaciuto anche a lei. Complimenti Matteo continua così

  • User Icon

    susy

    22/10/2017 19:16:38

    Proprio un bel libro. L'ho letto in una serata e mi ha lasciato una piacevole sensazione di serenità

  • User Icon

    luca

    25/04/2017 07:58:33

    Matteo Righetto sbalordisce per la capacità di raccontare favole incrociandole con racconti, squarci di realtà intrecciate a fantasia. Breve ma intenso, bello come la neve

  • User Icon

    Graziano Bettin

    20/01/2017 15:07:54

    Semplicemente meraviglioso

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
Le prime frasi del romanzo

Alle due in punto Carlo era già lì ad aspettare Nicola. Era stato tutta la mattina da sua madre, e le aveva anche detto della gita a sorpresa che nel pomeriggio sarebbe andato a fare con lui.
Faceva molto freddo e il cielo era coperto da un manto uniforme di nuvole bianche. Carlo era vestito come i giorni precedenti, col suo montone grande, il colbacco in pelo di volpe, la tuta e le scarpe da ginnastica. Aveva portato con sé il Ventolin, un paio di barrette di cioccolato e una banana, che sbucava appena da una tasca del giubbotto.
Stava seduto su una panchina di legno sul ciglio della strada, davanti al grande centro commerciale, tra un’infinità di palazzi tutti uguali fra loro. Aspettando che i minuti passassero, guardava a destra, a sinistra, in alto. Vide un primo, piccolo fiocco di neve scendere dal cielo e posarsi proprio ai suoi piedi. Poi ne vide un altro e un altro ancora. Piccole palline bianche che sembravano inviate da chissà dove per esplorare un mondo nuovo.
Carlo sorrise e osservò quei fiocchi incantato. Sentì una macchina fermarsi proprio davanti a lui. Abbassò lo sguardo e notò l’automobile più vecchia che avesse mai visto in tutta la sua vita.
Dall’auto uscì di colpo Nicola, vestito da Babbo Natale. «Allora, sei pronto?» gli disse quest’ultimo.
Carlo lo guardò, poi guardò la macchina incredulo, infine tornò a guardare Nicola.
«Ma questa macchina fa schifo!»
Nicola rise.
«Schifo? La mia Fiat 124 è un vero bolide, altro che schifo. Avanti salta su!»
Carlo si avvicinò titubante, e salendo in auto disse: «Adesso me lo puoi dire dove andiamo?»
Nicola chiuse la portiera e inserì la prima.
«In Lapponia!»
E mentre si misero in strada la neve iniziò a scendere più forte.