DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Doveva morire. Chi ha ucciso Aldo Moro. Il giudice dell'inchiesta racconta

Ferdinando Imposimato, Sandro Provvisionato

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Chiarelettere
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 4,24 MB
  • EAN: 9788861901322

10° nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Società, politica e comunicazione - Politica e governo - Attivismo politico - Terrorismo, lotta armata

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A quasi quarant’anni dal delitto Moro, questo libro rimane il punto di riferimento fondamentale per chi voglia farsi un’idea di quanto successo tra il marzo e il maggio del 1978, quando Aldo Moro fu rapito dalle Br e poi ucciso. I due autori hanno squarciato un silenzio durato molti anni e finalmente hanno messo a disposizione di tutti testimonianze, documenti, interrogatori rimasti nei cassetti delle procure e delle commissioni parlamentari per troppo tempo. Dal questo libro si può ripartire per provare a chiarire la tragedia politica più grave della nostra storia repubblicana. Non possiamo ignorare il ruolo pesante che l’Ucigos, la polizia di Cossiga, ha avuto in tutta questa vicenda, insieme al comitato di crisi, le cui relazioni, qui proposte per la prima volta, lasciano esterrefatti. Non è vero che non si poteva fare niente: sono state ignorate segnalazioni e bloccati ordini di perquisizione che sarebbero stati decisivi, ci sono adesso le prove che i covi di via Gradoli e via Montalcini volutamente non sono stati scoperti, alla magistratura è stato permesso di operare solo a omicidio avvenuto e chi tra la polizia sarebbe potuto intervenire è stato messo da parte. Anche le implicazioni internazionali contano eccome in questa storia: Kgb, Raf, Stasi e Cia hanno avuto un ruolo non secondario, senza togliere naturalmente alcuna responsabilità alle Br. Moro doveva essere eliminato. La sicurezza e la ragion di Stato non giustificano l’immobilismo. E il dolo. Viene fuori ancora una volta la malattia cronica della nostra democrazia, così fragile da non poter mai essere trasparente. Basti pensare a tutti gli uomini dei servizi segreti e dei corpi dello Stato iscritti alla P2, che in quei mesi stavano nella sala di comando. Coincidenze? Chi vigilava sulla nostra sicurezza attentava anche alla nostra libertà, eliminando un personaggio che sapeva troppe verità, le più imbarazzanti. Qui sta il cuore del “caso Moro”.
5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Simone F

    17/04/2014 16:01:50

    Un libro formidabile, avvincente, ben scritto, che definirei quasi "scientifico". Davvero completo nell'analizzare tutti gli aspetti di questa drammatica vicenda, il tutto avvalorato dallo spessore e dalla competenza dell'autore principale, Imposimato, il quale sembra raccontare da una posizione al di sopra delle parti. L'idea personale che mi sono fatto sul sequestro Moro è che tutti i protagonisti della vicenda, BR e Cossiga compresi, siano stati risucchiati in un meccanismo, esploso con il rapimento, più grande di loro e fuori controllo, fortemente condizionato dall'intervento diretto ed indiretto di potenze straniere quali USA ed URSS.

  • User Icon

    Piero

    04/06/2013 21:47:15

    Il libro rappresenta un esempio perfetto di giornalismo d'inchiesta. Il giudice Imposimato ricostruisce le vicende dei 55 giorni del sequestro e dell'omicidio di Aldo Moro con nuovi documenti. Inediti. Incredibili. Che da soli, a mio parere, legittimano ancora di più le teorie del maggiore esperto del caso Moro: Sergio Flamigni. Credo che questo testo sia assolutamente necessario per chi vuole conoscere una delle vicende più importanti della storia repubblicana.

  • User Icon

    Francesco

    13/01/2010 21:36:08

    Ho criticato nettamente, ed altre volte ho apprezzato, i lavori dell'autorevolissimo magistrato Ferdinando Imposimato. Questa volta ho letto quello che sicuramente rimarrà come il suo lavoro migliore. Io, almeno, lo considero tale. E' un libro imprescindibile, oserei dire IL libro sul caso Moro, perché, dopo diverse e numerose letture su questo argomento, a me sembra che questo testo raccolga tutti gli elementi più importanti, tutti dati che contano, per costruire una teoria definitiva, che chiude il cerchio. Se qualche elemento fondamentale lo avevo già raccolto altrove, qui c'è la possibilità di avere il quadro d'insieme, che poi è secondo me il più credibile scenario. A tutti gli altri lavori, pur notevoli, o mancava qualcosa, o si aggiungeva troppo, o ci si dilungava o, nel caso dei peggiori libro sul caso Moro, mancavano parecchi pezzi (per non parlare dei libri che costituiscono una lettura del tutto inutile). Ovviamente altro ci sarà da scoprire o da confermare (spero che accada prima o poi), ma qui c'è l'ossatura fondamentale della vicenda con l'approfondimento dei punti essenziali. Ripeto, il miglior lavoro sul caso Morosu cui ho messo le mani fino a questo punto.

  • Ferdinando Imposimato Cover

    Giudice istruttore del Tribunale di Roma, fu Imposimato a seguire l’inchiesta sulla strage di via Fani e il sequestro e l’assassinio di Aldo Moro. Si è occupato anche di lotta ai sequestri di persona, di terrorismo, di mafia e di camorra, oltre che dell’attentato al papa. Entrato in magistratura nel 1964, dopo un periodo trascorso a Milano va a Roma, dove segue le inchieste sui rapimenti ottenendo la liberazione di numerosi ostaggi, tra cui Giovanna Amati e Angelo Appolloni. Istruisce inoltre importanti processi, compreso quello a Michele Sindona. Sua, nel 1981, la prima sentenza-ordinanza contro la banda della Magliana. Nel 1983 il fratello Francesco viene ucciso da Cosa nostra per una vendetta trasversale, il che lo costringe, per motivi di sicurezza, a lasciare... Approfondisci
  • Sandro Provvisionato Cover

    Sandro Provvisionato (1951-2017) è stato direttore di Radio Città Futura, capo dei servizi parlamentari e della redazione politica dell’Ansa, inviato speciale e vicecapo della redazione romana del settimanale «L’Europeo», capo della cronaca al Tg5. Per questa testata ha diretto anche la redazione inchieste, è stato conduttore del telegiornale della notte e inviato di guerra (in Kosovo, Libano, Iraq); dal 2000 al 2012, coautore e curatore del programma televisivo Terra!, di cui è stato anche conduttore. Ha fondato e diretto il sito misteriditalia.it, un archivio storico-giornalistico sulle vicende più oscure dell’Italia repubblicana. È autore di libri importanti sul caso Moro, la strategia della tensione, i tanti casi italiani... Approfondisci
Note legali