Duke Ellington Meets Coleman Hawkins - Vinile LP di Duke Ellington,Coleman Hawkins

Duke Ellington Meets Coleman Hawkins

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Wax Time
Data di pubblicazione: 6 ottobre 2014
  • EAN: 8436542016360

Nella lista dei desideri di 1 persona

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Anche se Duke Ellington e Coleman Hawkins erano stati entrambi jazzisti noti fin dai primi anni Venti e hanno continuato ad avere successo fino alla loro morte, la loro unica registrazione insieme è stata l’album “Duke Ellington Meets Coleman Hawkins” (Impulse AS-26). L’album, registrato nel 1962, li vede affiancati da Ray Nance, Johnny Hodges, Harry Carney, Aaron Bell e Sam Woodyard. In questa nuova edizione è stato aggiunto come bonus un brano (“Solitude”) tratto dalla stessa sessione di registrazione, ma non incluso nell’LP originale.
Disco 1
1
Limbo Jazz (Duke Ellington) 5.17
2
Mood Indigo (Duke Ellington-Irving Mills-Barney Bigard) 5.5
3
Ray Charles' Place (Duke Ellington) 4.054
4
Wanderlust (Duke Ellington-Johnny Hodges) 5.01
5
You Dirty Dog (Duke Ellington) 4.202
6
Self Portrait (Of The Bean) (Duke Ellington) 3.543
7
The Jeep Is Jumpin' (Duke Ellington-Johnny Hodges) 4.514
8
The Ricitic (Duke Ellington) 5.545
9
Solitude (Duke Ellington-Eddie Delange-Irving Mills) 5.51
  • Duke Ellington Cover

    Propr. Edward Kennedy Ellington. Pianista, compositore, direttore d'orchestra e arrangiatore statunitense di jazz. Nel 1923 costituì il complesso degli Washingtonians, che risentiva di influenze ragtime e New Orleans. Nel '26 rinnovò e ampliò l'orchestra creando, con composizioni originali, un nuovo linguaggio basato sul perfetto equilibrio strutturale tra discorso orchestrale e improvvisazione solistica. Già nei primi lavori, caratterizzati dai caldi e aggressivi timbri dello stile «jungle» (in cui emergono la tromba e il trombone con sordina, rispettivamente di Bubber Miley e Joe Tricky Sam Nanton), si delinea il gusto tipico della cultura nero-americana, che permane anche negli influssi colti occidentali, soprattutto impressionistici, degli anni '30. Nel decennio successivo (cui appartiene... Approfondisci
  • Coleman Hawkins Cover

    Tenorsassofonista statunitense di jazz. Nel corso del suo soggiorno, dal '23 al '34, nell'orchestra di Fletcher Henderson, dove utilizzò talora anche il sax basso, elaborò un nuovo stile fluido e legato (di contro a quello staccato precedente), imitativo della tromba; perciò è stato considerato il «padre» dello strumento nel jazz. Caratteristico il suo linguaggio ricco di sottile vibrato, ornamentale (Body and Soul, 1939). Verso la metà degli anni '40 si mostrò sensibile ai nuovi fermenti musicali del bop, circondandosi di giovani musicisti, come Thelonious Monk, e registrando verso la fine del '49 il primo esempio di sassofono non accompagnato (Picasso). Suonò poi anche con Max Roach e Sonny Rollins. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali