Gli ebrei nell'Italia fascista. Vicende, identità, persecuzione

Michele Sarfatti

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
In commercio dal: 16 gennaio 2007
Pagine: 402 p., Brossura
  • EAN: 9788806170417

21° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Argomenti d'interesse generale - Gruppi sociali - Gruppi religiosi

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Gli ebrei, negli anni del fascismo, videro le loro identità e le loro vite progressivamente limitate, sopraffatte, annientate. Alla vigilia del ventennio essi costituivano una minoranza pienamente integrata nella vita nazionale, con proprie caratterizzazioni che venivano riconosciute dal Paese. La svolta politica del 1922 segnò una profonda cesura col periodo precedente, portanto al potere un'Italia gretta, ultranazionalista, sempre più "cattolicista" e aperta agli antiebraismi connessi. Questo libro narra la storia della vita e della persecuzione degli ebrei negli anni che vanno dalla "marcia su Roma" alla definitiva vittoria degli eserciti alleati e dell'insurrezione partigiana.

€ 10,88

€ 12,80

Risparmi € 1,92 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gianni

    21/01/2016 16:17:15

    Testo imprescindibile per chi voglia capire la vita delle comunità ebraiche italiane in epoca post-unitaria e come e dove nacquero le leggi "razziste" (come suggerisce di classificarle Sarfatti) e quali furono moventi e contesto in cui vennero applicate, prima come persecuzione dei diritti e poi come persecuzione delle vite. Imponente e prezioso apparato di note e documenti.

Scrivi una recensione