Categorie

Marcello Sorgi

Editore: Rizzoli
Collana: Saggi italiani
Anno edizione: 2009
Pagine: 143 p. , Rilegato
  • EAN: 9788817030533

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Daniela

    04/06/2013 10.50.32

    Ritratto appassionato di un personaggio storico, ma soprattutto di una donna dai mille sentimenti, costretta a non svelarsi mai completamente per affrontare e difendersi dalla realtà che la circonda . Ma l'ncontro con Leonida le restituisce la sua vera anima e le permette di vivere questo amore con libertà e trasporto lontana da inganni e giochi di potere. Con lui si apre completamente, annulla qualsiasi divergenza politica, dimostrando il desiderio di dimenticare il passato e proiettarsi verso un futuro fatto di sentimenti semplici e veri: un legame intimo e forte che durerà tutta la vita

  • User Icon

    secondosalvatore

    12/03/2011 17.34.15

    IL MIO PLAUSO A MARCELLO SORGI Per aver scritto e descritto un fatto, uno spaccato di vita di questi tempi moderni che risalgono all'immediato dopoguerra. La solitudine di una donna famosa, esiliata, forte per esserlo stata, fragile per essere stata condizionata dalle vicende della vita. Fra i due a dispetto della ideologia politica di parte albergano nel proprio cuore sentimenti d' amore e forse non soltanto per infatuazione ma di vero e profondo sentimento. Lo testimoniano le parole intense, appassionate scritte da "Ellenica" a "Baiardo" ed i versi tratti dall'Odissea e fatti incidere su muro da Leonida Bongiorno, a perenne memoria dell'ardente amore vissuto in loro e dei quali gli ultimi versi recitano: " Mai scampò nave d'uomini che qui capitasse, ma tutto insieme, carcasse di navi e corpi di uomini l'onda del mare che furia d'un fuoco mortale travolsero."

  • User Icon

    Elena

    24/06/2009 10.47.42

    In modo equilibrato e conciso l'autore ha saputo fare un ritratto di una donna dalla forte e anche fragile personalità. Il libro scorre via velocemente forse perchè il lettore è incuriosito nel leggere i travagli interiori, i giochi d'amore di Edda, la pupilla di Mussolini. Emerge in lontananza un fascismo sfuocato e in primissimo piano i turbamenti, le paure e i dolori di una donna che cerca in qualche modo di sopravvivere in un mondo di solitudine. Penso che l'autore nella sua ricerca storica si sia pian piano "innamorato" di Ellenica: in fondo la sua passione e l'ardore che la donna porta dentro hanno fatto innamorare un giovane e aitante partigiano. Leggendo il libro si sogna Lipari, si respira il mare, si ascolta il silenzio, si sta in pena per questi due innamorati... e in fondo anche questa è una storia d'amore!

Scrivi una recensione