L' educazione sentimentale

Gustave Flaubert

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806188481
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Valentina

    17/11/2013 18:42:11

    All'inizio, e per buona parte del romanzo, il protagonista, Frédéric Moreau, mi ha suscitato un'istintiva antipatia; mi sembrava uno smidollato, un individuo le cui buone o cattive azione fossero determinate dagli eventi esterni e mai dalla sua volontà. Poi, mettendo da parte i miei pregiudizi, ho capito che si trattava di un giovane di vent'anni libero e benestante, dunque senza preoccupazioni di natura materiale, e alla ricerca del soddisfacimento del proprio piacere inteso come unica via per la felicità. In lui ho visto quale può essere la natura di un ragazzo di quell'età. E attraverso le sue storie amorose la natura, anch'essa sempre attuale, di varie tipologie di donne. Per quanto riguarda lo stile, non ho apprezzato le lunghe e dettagliate descrizioni che mi facevano perdere il filo del racconto; mentre ho apprezzato il linguaggio veritiero e mai edulcorato dell'autore anche a riguardo di situazioni scabrose, il che rende il romanzo davvero moderno. Va detto, infine, come spesso il racconto prenda delle svolte improvvise e impensabili, una cosa decisamente inconsueta. Ad ogni modo, un romanzo che lascia il segno e che va a lungo meditato, specie se lo si legge da giovani.

  • User Icon

    elisabetta

    19/06/2010 19:48:08

    il romanzo è molto bello, molto descrittivo e ricco di particolari. forse è il numero di personaggi che mi ha fatto rallentare la lettura. può essere un quadro della francia ai tempi dell'autore

  • User Icon

    Paolo

    11/06/2008 20:46:45

    Se fossimo obbligati a portare un solo libro su un isola deserta, questo è il libro da portare, lo porteremmo non solo perchè avremmo molto tempo libero a disposizione ma perchè oltre al cielo, al mare, al sole e alle stelle, il tempo che trascorre inesorabile resterebbe il nostro unico compagno e potremmo amarlo solo attraverso le pagine del libro..

  • User Icon

    Philip

    15/11/2007 18:51:26

    Capolavoro assoluto di Flaubert;lo preferisco anche a Madame Bovary.Ottimo affresco della Francia di metà Ottocento.Semplicemente struggenti e meravigliose le ultime pagine.

  • User Icon

    ale bedica

    13/07/2007 12:09:13

    Frédéric Moreau è considerato il capostipite degli anti-eroi del Novecento.Ulrich di Musil,Andrea Sperelli di D'Annunzio,Fabrizio del Dongo di Stendhal,Consalvo di De Roberto,Dick Diver di Scott Fitzgerald,Ferdinand Bardamu di Celine,Gilles di Drieu La Rochelle,possiedono sì passività,mancanza di ardimento,indecisione e velleitarismo,ma non tutte insieme come il personaggio di Flaubert,"uomo dalle mille debolezze".Sembra che il suo coraggio e le sue energie si consumino e si annullino nell'incessante oscillazione tra accesi entusiasmi e subitanee depressioni.Continuamente suggestionato dagli eventi,dagli amici e soprattutto dalle donne:"Avrei fatto qualche cosa,con una donna che mi avesse amato.L'amore è l'alimento e l'atmosfera del genio". E' uno spettatore raffinato,esigente ed ironico di una realtà sfuggente,impenetrabile e volgare:"Frédéric si fermò da un antiquario a guardare tre tondi di maiolica decorati di arabeschi gialli a riflessi metallici.Li fece mettere da parte. -Al tuo posto- disse Deslauriers- acquisterei piuttosto dell'argenteria- rivelando con questo amore per lo sfarzo,l'uomo di piccola origine".In questo percorso tortuoso fatto di continue deviazioni e ritorni,Marie Arnoux,resta il centro inaccessibile del desiderio di Frédéric. Non basta desiderare una cosa ardentemente per ottenerla:la forza del desiderio risulta al contrario,anche nel caso di Frédéric,una causa del fallimento.

  • User Icon

    Giuliopez

    16/05/2006 18:39:15

    Grande romanzo! Impossibile dimenticarsi dei personaggi, non solo di Frederic Moreau, ma anche di tutte le "eroine" femminili e tutta la schiera di borghesi, artisti, arrivisti, ecc. che si muovono, o meglio che Falubert fa muovere nella Parigi dal 1840 al 1867, quando Frederic assieme all'amico di sempre Deslauriesci ci consegna "gli esiti" di quelle esistenze...

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione