Categorie
Curatore: V. Spinazzola
Editore: Mondadori
Edizione: 15
Anno edizione: 1998
Formato: Tascabile
Pagine: 192 p.
  • EAN: 9788804450962
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 6,75

€ 9,00

Risparmi € 2,25 (25%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    dott.Marco Zagarola

    13/01/2007 08.49.36

    La Deledda (premio Nobel per la letteratura) ci avvince con questo romanzo breve, ma forte e pieno. Sembra di vederla e di sentirla questa Terra di Sardegna , sembra di vederli questi personaggi, granitici, vigorosi, dotati di una forza tale da trasmeterla anche a chi legge. Elias Portolu personaggio forte e ahime'! fragile al tempo stesso e' il protagonista che si dipana in una vicenda tormentata e a tratti estremamente scabrosa, benche' sapientemente intrecciata. Dolore, angoscia e colore locale pervadono l'opera che non e' da sottovalutare ed e' sicuramente una delle piu' misconosciute della grande scrittrice nuorese. La lettura non sara' lunga e non richiedera' molto tempo, un motivo di piu' per assaporarla cercando di coglierne appieno anche i tristissimi ed amarissimi risvolti illustrati da una mano maestra e conoscitrice delle umane miserie. Il dilemma affrontato dal protagonista Elias, ex detenuto poi convertitosi al sacerdozio, e' grave e di difficile risoluzione. Non e' certo una lettura da prendere a cuor leggero e'la rappresentazione di un dramma familiare molto grave sviluppatosi in una delle province piu' remote della nostra Italia. In ogni caso alla fine il lettore avra' sviluppato un forte senso di pieta' e commiserazione nei confronti di tutti i personaggi di questa storia quasi fosse una vecchia stampa da cui affiorino antichi dolori. I giovani, in ogni caso, dovrebbero cercare di riscoprire Grazia Deledda questa grande scrittrice italiana.

  • User Icon

    carlo

    01/03/2006 16.47.13

    L'ho letto dopo Marianna Sirca, e sinceramente mi è piaciuto molto meno...ci sono molti più dialoghi ma molte meno ambientazioni e descrizioni, cmq calarsi nel mondo interiore di Elias risulta certamente alquanto ostico, soprattutto ad un secolo di distanza. Ma i capolavori non sono immortali?...a parer mio non è questo uno dei libri più belli della scrittrice sarda.

  • User Icon

    Philippe Ziglioli

    18/02/2002 17.32.37

    La Deledda ci pone una serie di dilemmi puramente morali, che ci toccano oppure no, che scegliamo di seguire oppure no. Pochi autori sembrano così antiquati come l'autrice sarda, sia nei temi che nello stile. Il matrimonio e l'infedeltà sono argomenti che ormai non appassionano più nessuno. O quasi? Da leggere per raffrontare l'opera con le novelle di Verga o il D'Annunzio "pescarese".

Scrivi una recensione