L'elisir d'amore - CD Audio di Gaetano Donizetti,Luciano Pavarotti,Joan Sutherland,Richard Bonynge,English Chamber Orchestra

L'elisir d'amore

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Gaetano Donizetti
Direttore: Richard Bonynge
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Decca
Data di pubblicazione: 22 marzo 2006
  • EAN: 0028947575146
Disco 1
1
Overture (Preludio)
2
"Bel conforto"
3
"Quanto è bella"
4
"Benedette queste carte!" - "Della crudele Isotta"
5
Marcia..."Come Paride vezzoso"
6
"Or se m'ami, come io t'amo...Intanto, o mia ragazza"
7
"Una parola..chiedi all'aura"
8
"Che vuol dire codesta suonata?"
9
"Udite, udite, o rustici" - "Così chiaro"
10
"Ardir! Ha forse il cielo"
11
"Voglio dire, lo stupendo...Va mortale fortunato
12
"Caro elisir! Sei mio!"
13
"Lallarallara"
14
"Esulti pur la barbara"
15
"Tran, tran, tran, tran - In guerra ed in amor"
16
"Signor sargente"
Disco 2
1
"Adina credimi...Fra lieti concenti"
2
Introduzione - "Cantiamo, cantiam" - "Poichè cantarvi alletta"
3
"Io son ricco e tu sei bella"
4
"Silenzo!..."Le feste nuziale"
5
"La donna è un animale...Venti scudi"
6
"Ai perigli della guerra...qua la mano giovinotto"
7
"Saria possibile?"
8
"Dell'elisir mirabile" - "E bellissima"
9
"Io già m'immagino" - "Come sen va contento!"
10
"Quanto amore!" - "Una tenera occhiatina"
11
"Una furtiva lagrima...Eccola!"
12
"Prendi; per me sei libero"
13
Alto! Fronte!
14
"Ei corregge ogni difetto"
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alberto Zini

    24/09/2006 11:15:54

    E'la ristampa in una nuova veste grafica dell'edizione in CD pubblicata nel 1986(registrata nel 1970)sulla quale ho già scritto un commento al quale quindi rimando.

  • Gaetano Donizetti Cover

    Compositore.La formazione e i primi lavori teatrali. Di umili origini, nel 1806 fu ammesso alle «Lezioni caritatevoli di musica» dirette da S. Mayr. Questi curò personalmente la sua istruzione in clavicembalo e composizione fino al 1815, inviandolo poi al Liceo Musicale di Bologna a perfezionarsi in contrappunto col dottissimo padre S. Mattei. D. ebbe dunque una preparazione professionale non solo organica e seria, ma di buon livello dottrinale, improntata, tramite Mayr, ai modelli classici viennesi: significativa la presenza, accanto ai tentativi teatrali giovanili, di sinfonie, cantate, quartetti ben costruiti alla Haydn e alla Mozart. Viceversa, i primi melodrammi rappresentati rivelano, oltre a quello di Mayr, l'inevitabile influsso di Rossini (Enrico di Borgogna, 1818, e Il falegname... Approfondisci
  • Luciano Pavarotti Cover

    Tenore. Esordì nel 1961 a Reggio nell'Emilia con La Bohème di Puccini, destinata a diventare l'opera a lui più congeniale, cui si aggiunsero presto altri due titoli capitali della sua brillantissima carriera, L'elisir d'amore di Donizetti e Un ballo in maschera di Verdi. Attorno a queste tre opere, interpretate più e più volte in tutto il mondo, ha costruito un repertorio ben calibrato di ruoli lirico-leggeri (soprattutto donizettiani e belliniani), poi gradualmente affiancati da personaggi più drammatici. L'oculatezza nelle scelte gli ha permesso di conservare pressoché integro uno strumento vocale unico per morbidezza, lucentezza e perfezione tecnica, che unitamente alle innate doti comunicative ha favorito un'eccezionale popolarità internazionale. Vanta una vastissima discografia, che spazia... Approfondisci
  • Joan Sutherland Cover

    Soprano australiano. Dopo gli studi in patria e il perfezionamento a Londra, si è affermata dal 1957 come cantante di eccezionale statura, tra le principali artefici – con Maria Callas e Marilyn Horne – della «belcanto-renaissance». Voce estesissima, penetrante e limpida, si è imposta in primo luogo per la capacità di eseguire il repertorio di agilità con il timbro e il volume di un soprano lirico, sfoggiando un virtuosismo trascendentale, inedito per il nostro secolo. Tra le sue doti spiccavano la raffinata eleganza del canto e un acuto senso dell'espressione sia aulica sia elegiaca o briosa. Ha prediletto il repertorio barocco (Händel), del primo Ottocento italiano (Bellini e Donizetti) e dei grandi ruoli di coloratura anche comici, mentre hanno suscitato perplessità, per certe carenze di... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali