Un enigma color porpora

Wolfram Fleischhauer

Traduttore: R. Cravero
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
In commercio dal: 9 febbraio 2006
Pagine: 442 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788850209873
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,80

€ 7,56

€ 8,90

Risparmi € 1,34 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Anna

    22/03/2011 18:22:54

    Dopo un inizio piuttosto debole, la narrazione decisamente decolla ma si ingolfa in una miriade di informazioni storiche che appesantiscono la lettura. Lo spunto è comunque molto originale.

  • User Icon

    federica

    11/06/2009 15:27:38

    Sinceramente non capisco chi lo trova noioso, pesante o una brutta copia del Codice da Vinci (a proposito: cosa avrebbe del libretto di Dan Brown?) Io l'ho acquistato perchè sono sempre stata ossessionata dal dipinto e dalla allegoria nascosta nel quadro. Ho trovato il romanzo ben congegnato (quoto chi dice che la prte dedicata al presente strida un po' con il resto della storia ma si legge velocemente)e la storia verosimile. Un buon giallo storico,avvincente e godibile (ed è uno dei pochi romanzi che rileggo sempre con piacere).Da acquistare.

  • User Icon

    carlo

    12/11/2008 13:58:15

    Premesso che l'originalità dell'idea di fondo e l'associazione arte-romanzo sono fuori discussione, il romanzo in sè si presenta molto interessante ed intrigante nelle prime parti, ma successivamente tende un po' ad accartocciarsi su se stesso...le varie sezioni (lettere, racconti, interrogatori, ecc) alla fine rendono il tutto un po' confuso e frammentato. Bello ma alla lunga stancante.

  • User Icon

    Fabio M.

    11/12/2007 09:51:51

    Sono d'accordo con gli altri recensori: il romanzo è molto ben congegnato nella sua parte ambientata nel passato.IL resto, che dà l'impressione di esserci per dare un'aura di credibilità alle ricerche che stanno alla base della stesura, appesantisce solo la narrazione.Probabilmente la parte storica è così ben costruita che troppo stride con quella ambientata a i giorni nostri.IN ogni caso un'opera che sicuramente si erge nel mare di pubblicazioni simili.

  • User Icon

    silvia castillett

    13/05/2007 18:38:10

    il libro sarebbe bello se non ci fossero le pagine ambientate nei nostri giorni, troppo noiose. avrebbe dovuto avere il coraggio di creare un romanzo storico senza l'ossessione per il vero documentato. comunque molto avvincente la vicenda del pittore

  • User Icon

    Monica Mancini

    10/12/2006 21:21:15

    Intrigante! Storia a più livelli e più voci, documentata in modo perfetto, della strana morte di Gabrielle d'Estrées; spaccato della Francia di fine Cinquecento e del suo re Enrico IV; avventura artistico-intellettuale del ricercatore-narratore e di conseguenza del lettore che via via è sempre più affascinato e conquistato...

  • User Icon

    Elisabetta V.

    11/11/2006 18:41:49

    Molto interessante la parte storico–artistica. Interessanti e coinvolgenti, quindi, le vicende riguardanti Gabrielle d'Estrées (una “favorita” famosa ma non famosissima come altre prima o dopo di lei), il "giallo" sulle circostanze della sua morte… ecc… Così come è interessante l’analisi dell’altrettanto famoso (visivamente parlando) quadro di cui però tutto sommato si sa ben poco, un quadro in effetti molto particolare e del quale l’autore, descrivendone i significati nascosti e raccontando i concatenati avvenimenti storico-biografici, fornisce un’ interpretazione affascinante, seria e convincente. Le parti ambientate ai nostri giorni invece sono decisamente troppo lunghe e, forse, anche abbastanza inutili.

  • User Icon

    alina

    09/11/2006 11:25:13

    Avvincente, lo consiglio vivamente

  • User Icon

    lalli

    30/10/2006 10:50:07

    UN BEL GIALLO STORICO-PITTORICO. BEN COSTRUITO E RICCO DI INFORMAZIONI.DA LEGGERSI TUTTO D'UN FIATO!

  • User Icon

    Roberta

    20/07/2006 11:40:44

    Romanzo storico ricco di fascino e suspence, enigmatica la figura di Enrico di Navarra,atroce la sorte della sfortunata Gabrielle. Io l'ho praticamente divorato! Lo consiglio a tutti.

  • User Icon

    Artemisia

    18/07/2006 14:47:53

    Romanzo storico stupendo! Lo sto leggendo tutto d'un fiato...trovo soprattutto interessante l'intreccio tra il periodo storico e l'elemento artistico. Devo ringraziare inoltre le persone che con i loro interventi, mi hanno convinto a immergermi in questa lettura veramente intrigante. Ma ora che sono verso la fine del libro, chi lo ha apprezzato come me,cosa mi consiglierebbe,evitando autori come il solito Dan Brown?

  • User Icon

    francesco

    01/03/2006 16:08:26

    L'ho trovato noioso, ripetitivo, pseudo-storico. Tutti parlano male del Codice da Vinci e tutti (più o meno) o lo hanno letto o (come in questo caso) lo copiano. Figuriamoci che noia quello su Kant! Basta con questi best-killer. Eco ha fatto scuola, ma ora, per favore, si passi alla vera letteratura. Francesco

  • User Icon

    gina loreto

    20/09/2005 19:21:02

    L'ho comprato in spagnolo il mese scorso. L'ho ritrovato (con fatica: ma è mai possibile??) in italiano la scorsa settimana e l'ho regalato ad alcuni amici. Bellissimo!

  • User Icon

    dario loreti

    09/09/2005 20:17:19

    Mah...la recensione che mi precede mi lascia alquanto perplesso. Io non ho avuto alcuna difficoltà. Anzi. Trovo questo (nuovo, per me) autore particolarmente sagace, intelligente e dotato di una penna sottile ed efficace (di certo merito anche del traduttore). Non so che dire: leggetelo assolutamente!

  • User Icon

    Stefano

    04/07/2005 12:21:30

    Decolla a pagina 200... che barba le prime!

  • User Icon

    Gaia

    15/04/2005 00:33:49

    sì è vero: c'è una parte saggistico-storica piuttosto consistente. bisogna dire però che è apprezzabilissimo lo sforzo dell'autore nel tentare (secondo me, riuscendovi) di costruire un pathos, una trama narrativa a fronte dell'indagine artistica. ho solo il dubbio che per i non appassionati di storia e di arte possa risultare pesante. non tutti i romanzi su storia e arte sono riusciti feuillettons alla Chevalier! grazie al cielo io amo l'arte e la storia...e anche le vicende appassionanti, e dunque l'ho potuto apprezzare molto. buona lettura a tutti...i lettori di buona volontà!

  • User Icon

    Luca

    31/03/2005 23:53:47

    Non sono riuscito a finire di leggere nemmeno la prima parte, se escludiamo una perfetta descrizione storica, il libro non decolla mai è di una noia infinita:PESANTE

  • User Icon

    gianna

    01/02/2005 16:25:14

    sì ,un interessante saggio storico ma in quanto al romanzo in termini generali ....CHE NOIA !!l'ho comprato perchè ho letto ultimamente alcuni libri legati a dipinti ( partendo da Orecchino di perla per arrivare a La ragazza in blu di Vreeland ) e tutti erano piacevoli da leggere e interessanti dal lato storico ma coinvolgenti nel racconto..Questo invece l'ho trovato davvero molto molto molto noioso !!Un gran lavoraccio per lo scrittore sicuramente e una gran passione ma a me è risultata algida e poco coinvolgente ! ciao

  • User Icon

    tundra

    20/12/2004 15:45:02

    Un buon saggio storico in forma di romanzo. Come un saggio storico non dà soluzioni definitive sul mistero del quadro,ma lascia aperte tante possibilità ; come un romanzo cerca di superare quello che la storia non può dirci con qualche ricostruzione di fantasia. Io l'ho trovato appassionante, nonostante i primi capitoli siano un pò ostici perche' l'autore introduce tutti i personaggi (numerosi) e i fatti storici noti in poche pagine con l'inevitabile conseguenza che ci si sente un po' spaesati. Il romanzo si riprende successivamente, dato che gli stessi fatti introdotti inizialmente vengono riesaminati da più punti di vista e l'insieme diventa piu' chiaro. Comunque lo consiglierei solo a chi ama il romanzo storico: in questo campo si tratta di un libro originale.

  • User Icon

    Roberto

    15/12/2004 14:35:26

    Stupendo! veramente stupendo. Da leggere. Grandi personaggi, grande trama, veramente ben scritto. Consigliato. Ho visto che qualcuno ha detto un gradino sopra Il codice da Vinci: e' vero se usiamo il Codice come gradino e ci camminiamo sopra.... non c'e paragone; il codice e' scritto da un bambino al confronto

Vedi tutte le 28 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione