€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

"Qualunque cosa la mente umana si trovi a dover comprendere, l'ordine ne è una indispensabile condizione": con queste parole si apre il saggio di Arnheim, che non ha mancato di sollecitare riflessioni e discussioni fin dall'anno della prima pubblicazione e ha dimostrato una fertilità e una ricchezza di stimoli che si ripropongono ancora inalterate.
Una riflessione, dettata da uno storico dell'arte che è anche uno studioso sottile e attento di psicologia, sulla conoscenza e la comunicabilità tra linguaggi e codici diversi, e quindi sull'ordinabilità della realtà e delle idee. Lo spunto viene dalla discussione sulla possibilità che la teoria dell'informazione approdi a una unificazione culturale. Se per informazione si intende improbabilità e imprevisto, osserva Arnheim, ci troviamo di fronte a una contraddizione radicale, «il massimo di ordine viene trasmesso con il massimo di disordine: qualcuno o qualcosa ha confuso i nostri linguaggi». Solo ridiscutendo i concetti di «ordine» e di «disordine» è possibile comprendere lo stesso funzionamento della creatività, e capire come l'arte sfugga all'antico e ambivalente sogno di prevederla e imbrigliarla. Il saggio non ha mancato di sollecitare riflessioni e discussioni (la prima pubblicazione italiana è del 1974), e ha dimostrato una fertilità e una ricchezza di stimoli che si ripropongono ora inalterate.

Prima parte. L'ordine utile. Riflessi dell'ordine fisico. Disordine e degradazione. Ciò che il fisico intendeva significare. Informazione ed ordine. Probabilità e struttura. L'equilibrio. Riduzione di tensione e logorio. La virtú dei condizionamenti. Il tema strutturale. - Seconda parte. L'ordine in secondo piano. l piaceri della riduzione di tensione. L'omeostasi non basta. Il bisogno di complessità. L'arte semplicistica. Appello alla struttura. - Bibliografia. - Indice dei nomi.