Curatore: S. Rapisarda
Anno edizione: 1996
In commercio dal: 9 febbraio 1996
Pagine: 2 voll., 1140 p.
  • EAN: 9788838910869
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 35,12

€ 41,32

Risparmi € 6,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

35 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 


scheda di Bertini, M., L'Indice 1996, n. 6

Nel 1769, l'abate Galiani dovette lasciare Parigi dove per dieci anni aveva svolto le funzioni di segretario di ambasciata e aveva frequentato intensamente l'ambiente degli enciclopedisti, acquistando la duplice reputazione di profondo economista e di spiritosissimo uomo di mondo, in cui coesistevano - come ebbe a scrivere Marmontel - lo spirito di Arlecchino e la mente di Machiavelli. A Napoli, Galiani ebbe l'impressione di dover affrontare un intollerabile isolamento: "Immaginatevi - scrisse a Mme d'Epinay - Confucio trasportato nello spazio di una sola notte a Parigi, dove non conosce nessuno e non sa altra lingua che il cinese. Non parla che con se stesso, e la sua unica consolazione, il suo solo rimpianto, è quello di sapersi adorato in Cina". Per lo sconsolato abate, ormai parigino d'adozione, l'unica consolazione fu l'intenso scambio epistolare con gli amici di Francia: Grimm, Diderot, d'Alembert, d'Holbach. Ma la sua più assidua corrispondente fu Mme d'Epinay, autrice di un romanzo e di diversi trattati pedagogici, che sinché visse gli forn un animatissimo gazzettino, spesso frivolo e irriverente, della vita culturale e politica di Parigi. L'edizione Sellerio di questa corrispondenza d'eccezione - fondata su diverse edizioni critiche, nessuna delle quali a tutt'oggi completa - è messa a punto con la più grande cura e con apparati eccellenti.

Un inedito quadro dell'Illuminismo emerge in questo carteggio del letterato ed economista Galiani e della d'épinay, animatrice di un frequentato salotto letterario parigino.