Equo processo. Normativa italiana ed europea a confronto

Curatore: L. Filippi
Editore: CEDAM
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 1 gennaio 2006
Tipo: Libro tecnico professionale
  • EAN: 9788813268572
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 25,50

€ 30,00

Risparmi € 4,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

26 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

La presente ricerca involge il tema dei "diritti processuali", sia dell'imputato che della vittima del reato. L'indagine si snoda analizzando, anzitutto, l'art. 111 Cost. che, com'è noto, in Italia garantisce "il giusto processo", che il nostro legislatore ha cercato di attuare, sia pure non ancora compiutamente, nel codice di procedura penale. Ma l'interesse del lavoro deriva dal confronto fra queste regole e quelle dell'"equo processo" penale, comprensivo della fase penitenziaria, quale designato dalle convenzioni internazionali e, in primis dal trattato che adotta una costituzione per l'Europa, un vero e proprio Bills of Rights europeo, alla luce dell'interpretazione giurisprudenziale sia della Corte europea dei diritti dell'uomo e delle liberta fondamentali sia della Corte di giustizia delle Comunità europee.