L' età del noir. Ombre, incubi e delitti nel cinema americano, 1940-60

Renato Venturelli

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 9 ottobre 2007
Pagine: X-498 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788806187187
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
All'inizio degli anni quaranta, il cinema poliziesco americano comincia a cambiare radicalmente. Le immagini si fanno sempre più cupe, gli eroi diventano incerti e frastornati, il racconto è reso tortuoso da flashback, incubi, violenze sadiche. È il segno di un'angoscia novecentesca che si sta insinuando all'interno della fabbrica dei sogni hollywoodiana. La critica francese si accorse di questa visione cupa del mondo e parlò di "film noir" americano: un cinema che diventava improvvisamente nero e disperato. Con il tempo, il termine è diventato un'icona alla moda, rappresentando un malessere nel cuore della società dello spettacolo. Ma secondo quali percorsi il cinema criminale americano ha attraversato la sua stagione classica del noir, dove di colpo il pubblico veniva scosso nelle sue certezze, era costretto a identificarsi con un assassino, veniva avvolto da immagini dai contorni sempre più indecifrabili? Questo libro ripercorre quella grande stagione, attraverso i film più famosi e i più oscuri B-movie, alle origini delle mescolanze fra poliziesco e melodramma, suspense e horror. È il cinema di Humphrey Bogart e di Rita Hayworth, di Fritz Lang e di Billy Wilder, ma anche di Orson Welles e del primo Stanley Kubrick: da "Il mistero del falco" a "Rapina a mano armata", passando per tanti piccoli e grandi classici. Un affresco di ampio respiro su un periodo leggendario della storia di Hollywood: per capire finalmente da dove proviene il noir di oggi.

€ 20,40

€ 24,00

Risparmi € 3,60 (15%)

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Nel 1945, al momento di battezzare la nuova collana di polizieschi che ha ideato per Gallimard, Marcel Duhamel decide di accettare un suggerimento del suo amico Jacques Prévert: si chiamerà "Série noire". L'espressione è presa a prestito dalla cronaca, che l'ha coniata poco prima per una serie di incidenti aerei particolarmente spettacolari. Né Duhamel né Prévert immaginano certo, all'epoca, le risonanze che assumerà in futuro la parola "noir": semplicemente, il colore del buio e della morte sembra allora il più adatto a connotare l'universo prevalentemente notturno del poliziesco hard boiled.
Sulle origini, e le successive vicissitudini, dell'etichetta "noir" Renato Venturelli fa il punto con grande chiarezza nell'introduzione al suo volume: non si può che essergliene grati nel contesto attuale, in cui il termine, ormai inflazionato, è spesso usato senza alcuna consapevolezza del suo retroterra storico. È nella Francia di metà anni quaranta, dunque, che si comincia a parlare di "film noir" per definire "quel cinema americano imperniato su vicende criminali che arrivava nelle sale parigine dopo la lunga sospensione della guerra e colpiva per il suo tono estremamente cupo e pessimista, spostando l'attenzione dello spettatore dalla meccanicità del mistery tradizionale alla psicologia tortuosa dei personaggi". Come il jazz che furoreggia nelle caves di Saint-Germain-des-Prés e i romanzi tradotti nella "Série noire", quel cinema racconta un'America ben diversa da quella della produzione hollywoodiana più conformista: il suo fascino è un complesso intreccio di elementi realistici e di tratti onirici e visionari, di suggestioni pulp e di allusioni colte, di innovazioni stilistiche e di grezza iconografia popolare. Più che un genere, è il risultato di un rimescolamento di generi, di un'ininterrotta contaminazione tra giallo, melodramma e horror, all'insegna dell'eccesso e di un disperato, inconfondibile romanticismo della solitudine e della sconfitta.
Di fronte a un oggetto così multiforme, Venturelli ha scelto la via di un approccio duttile, che non mira a fornire del noir una definizione univoca né ad attribuirgli rigidi confini, ma a coglierne le linee evolutive. Il suo percorso ci conduce così dagli anni quaranta, gli "anni dell'incubo", in cui l'interiorizzazione della vicenda criminale finisce "per alludere in fondo al cinema stesso come viaggio nelle zone più oscure dell'io", al periodo del dopoguerra, segnato dallo stile semidocumentaristico e dalla figura del reduce che vaga smarrito in un mondo ostile e irriconoscibile; dai primi anni cinquanta, in cui l'attenzione si sposta sull'attività quotidiana e sui metodi di lavoro della polizia, alla successiva deriva flamboyante che, tra irruzione del technicolor ed esasperazione visionaria dell'aspetto melodrammatico, porterà alla "deflagrazione" del genere.
Ricco di analisi di grande rigore, fondato su una bibliografia critica esauriente, attento agli aspetti stilistici, tecnici e produttivi non meno che a quelli tematici, L'età del noir è un prezioso strumento di consultazione; ma la struttura agile e il taglio narrativo avvincente lo rendono anche una piacevolissima lettura. Mariolina Bertini