L' Europa e il mondo. La politica estera, di sicurezza e di difesa europea - Marco Clementi - copertina

L' Europa e il mondo. La politica estera, di sicurezza e di difesa europea

Marco Clementi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Il Mulino
Collana: Contemporanea
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 26 febbraio 2004
Pagine: 222 p., Brossura
  • EAN: 9788815096203
LIBRO USATO € 7,56
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 7,56

€ 14,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Le recenti crisi, dalla guerra nei Balcani a quella in Irak, hanno reso evidente che, se sul piano economico l'unione europea e la sua moneta hanno posto le basi per competere con gli Stati Uniti, sul piano della politica estera, della sicurezza e della difesa, molto resta ancora da fare. Il volume ripercorre questo aspetto ancora incompiuto dell'integrazione europea dal dopoguerra alle minacce del terrorismo internazionale. Nonostante tutto la sindrome dell'insicurezza che caratterizza l'attuale situazione spinge per una maggior cooperazione tra i paesi europei.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Lorenzo Panizzari

    27/05/2012 15:20:40

    Un buon libro; scritto bene, facile da leggere, di spessore accademico ma non necessariamente per specialisti. L'autore sceglie di concentrarsi sulla politica di difesa, sicurezza ed estera della Eu, raccontando il tema dal punto di vista storico (dal 1946) e spiegandone le cause-effetti delle decisioni prese, senza lesinare critiche per le occasioni mancate, per gli interessi dei singoli posti prima del bene collettivo, per i percorsi obbligati dal contesto internazionale senza un reale merito per i protagonisti europei. Il quadro che emerge è abbastanza sconfortante ed evidenzia come larga parte delle decisioni prese (poche concrete e moltissime "di facciata") siano in realtà state indotte dal contesto internazionale forzando i piccoli protagonisti europei ad adeguarsi. Ben spiegate le relazioni più vicine a noi (post1989 e post11/9) e come queste più i recenti allargamenti inibiscano ancora di più lo sviluppo di ciò che davvero servirebbe. Il tema di sottofondo (se l'autore l'avesse sviluppato il libro sarebbe diventato un tomo biblico) sempre presente ed un po' più rilevante negli ultimi 2 capitoli, è ovviamente quello della politica e dell'economia che dovrebbero essere condivise a livello Eu per dare valenza politica all'esercito e sostenerne lo sviluppo anche tecnologico. Politica ed economia sovranazionale sono lontanissimi, e l'Eu continua quindi ad essere ad un livello inferiore di valenza politica "e quindi"" militare, mentre il rapporto Us-Eu si configura sempre più come prevalenza militare (Us) da una parte e presunzione di avere prevalenza culturale (Eu) dall'altra. Situazione ben delineata da P.Desideri in M.Pani, Storia romana e storia moderna, Edipuglia 2005.

Note legali