Experimentum mundi. La domanda centrale. Le categorie del portar-fuori. La prassi

Ernst Bloch

Curatore: G. Cunico
Editore: Queriniana
Anno edizione: 1980
In commercio dal: 1 gennaio 1980
Pagine: 308 p.
  • EAN: 9788839918314
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Con il suo ultimo magnum opus Ernst Bloch presenta qualcosa che può sembrare paradossale a chi conosce la sua opera: l'abbozzo di un sistema filosofico, di una dottrina sistematica delle categorie.

€ 22,10

€ 26,00

Risparmi € 3,90 (15%)

Venduto e spedito da IBS

22 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mauro Lanari

    12/01/2009 03:38:51

    L’enciclopedicità di Bloch lo rende tanto ricco di spunti notevoli quanto esposto alle critiche più profonde. Già il considerare la speranza una virtù è ancora troppo teologico e teologale, sebbene nel capitolo 20 del suo “opus maius” essa venga diretta non al futuro ma alle potenzialità insite nell’“attimo oscuro”, al “Nunc aeternum” e al “carpe aeternitatem in momento” (cf. pp. 1409 e 1502, p. 1526 e p. XIX dell’Introduzione di Bodei). Il protestante Moltmann ha dimostrato come la “Teologia della speranza” non sia che un aspetto decisivo de “Il Dio crocifisso”. Tuttavia il problema più irrisolto di Bloch è forse quello del rapporto fra il cosmo e il suo sottoinsieme antropico: davvero l’“Experimentum mundi” scommette sull’“experimentum hominis”? Ossia: davvero la cosmogenesi è antropocentrica? C’è persino chi sostiene la tesi opposta: noi umani saremmo d’intralcio e d’ostacolo per il termine della cosmo(a)gonia. Lo affermavano già le apocalissi ebraiche precristiane, lo ribadisce Nietzsche: “In un angolo remoto dell'universo scintillante e diffuso attraverso infiniti sistemi solari, c'era una volta un astro, su cui animali intelligenti scoprirono la conoscenza. Fu il minuto più tracotante e più menzognero della storia del mondo, ma tutto ciò durò soltanto un minuto. Dopo pochi respiri della natura, la stella si irrigidì e gli animali intelligenti dovettero morire. Era anche tempo: difatti, sebbene si vantassero di aver già conosciuto molto, alla fine avevano scoperto, con grande riluttanza, di aver conosciuto tutto falsamente. Essi perirono, e morendo maledissero la verità. Così accadde a quei disperati animali che avevano scoperto la conoscenza'' (incipit di “Verità e menzogna in senso extramorale”, 1873).

Scrivi una recensione