Faccetta nera. Storia della conquista dell'impero

Arrigo Petacco

Editore: Mondadori
Collana: Oscar storia
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 237 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788804547617
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,92

€ 10,50

Risparmi € 1,58 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    27/04/2017 09:56:30

    Mi spiace dover parlare non positivamente di questo Faccetta nera di Arrigo Petacco, autore che peraltro stimo per non poche riuscite biografie. E quel che forse meno mi è garbato in questo libro non è tanto l’approssimazione, il liquidare fatti importanti in due parole, ma un atteggiamento ondivago, tanto che a tratti, soprattutto a proposito della conquista dell’Etiopia, Petacco potrebbe essere considerato un fascista, mentre in altre pagine c’è uno smarcamento e ritroviamo il saggista antifascista. Comprendo che, sebbene uno storico dovrebbe essere apolitico, tuttavia non gli si può impedire di avere un atteggiamento politico, ma almeno che questo sia continuo e non come ho precisato prima, tanto che ho ricavato l’impressione che Petacco, nel timore di scontentare qualcuno, ha finito con lo scontentare tutti. Avevo già notato questo strano comportamento leggendo L’uomo della provvidenza e mi ero stupito, perché là a voler considerare Mussolini un grande statista almeno fino alla guerra d’Etiopia vuol dire mettersi i paraocchi, visto che uno dei motivi, non secondario, che spinsero il duce a conquistare quel paese era un diffuso malcontento popolare di un regime che ogni giorno che trascorreva si rivelava sempre più mendace e incapace di condurre un paese sia sotto l’aspetto politico che quello economico. Cosa c’è di meglio di una guerra per ricompattare un popolo accanto al suo capo? E se poi l’avversario, almeno sulla carta, è facile da sconfiggere, si ottiene la quadratura del cerchio, coronata dal pomposo nome dell’Impero, che inorgoglisce, ma non riempie la pancia.

  • User Icon

    Riccarlo

    04/06/2013 10:55:26

    Come al solito Petacco non si è smentito, dallo stile scorrevole e piacevole un libro che si legge con una rapidità sorprendente. Ricco di dettagli e di divertenti aneddoti, pecca però di un'aspetto che speravo di trovare: racconta poco di quella che fu l'esperienza coloniale per molti cittadini italiani, dagli operai (trattati brevemente nel famoso attentato di Gondrand). Consapevole del fatto però, che non ci fù una vera e propria immigrazione dall'Italia verso l'Etiopia, sarebbe stato bello sapere come i civili italiani residenti nella capitale abissina abbiano vissuto il periodo di transizione dal regno d'Italia al governo del negus neghesti.

  • User Icon

    dario c

    09/03/2013 22:44:20

    Un libro per chiunque voglia farsi un'idea dell'ultima avventura coloniale italiana e del motivo per cui, ancora oggi, molti conoscono quel motivetto di "Faccetta Nera". Oltre alla storia, aneddoti, curiosità ed una sottile ironia. Grande Petacco !

  • User Icon

    DANIELE COSTAMAGNA

    23/03/2010 17:34:07

    L'avventura coloniale italiana narrata da Petacco con la consueta maestria : stile scorrevole , aneddoti e curiosità sugli italiani dell'epoca , e soprattutto l'illusione italiana di poter diventare una potenza coloniale quando ormai il colonialismo era sul viale del tramonto.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione