Traduttore: G. Lippi
Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Edizione: 1
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 10 maggio 2016
Pagine: XI-166 p., Brossura
  • EAN: 9788804665298

Età di lettura: Young Adult

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Fantascienza - Fantascienza classica

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Montag fa il pompiere in un mondo in cui ai pompieri non è richiesto di spegnere gli incendi, ma di accenderli: armati di lanciafiamme, fanno irruzione nelle case dei sovversivi che conservano libri e li bruciano. Così vuole fa legge. Montag però non è felice della sua esistenza alienata, fra giganteschi schermi televisivi, una moglie che gli è indifferente e un lavoro di routine. Finché, dall'incontro con una ragazza sconosciuta, inizia per lui la scoperta di un sentimento e di una vita diversa, un mondo di luce non ancora offuscato dalle tenebre della imperante società tecnologica.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    jlo89

    07/11/2018 21:46:21

    Distopico? Forse non cosi lontano dalla realtà ...

  • User Icon

    Davide V.

    17/10/2018 20:08:54

    Che dire, il libro è un classico moderno. Non mi ha entusiasmato anche se l’ho letto tutti d’un fiato, la mole creativa in background è notevole, come anche la lungimiranza dell’autore nel sapere come si sarebbe evoluta la comunicazione; il tutto però è accartocciato e ristretto in una storia che non fa in tempo a iniziare che già si conclude. Me lo hanno consigliato in molti e vi rimando l’invito alla lettura, ma concludo dicendo che mi aspettavo un capolavoro distopico e ho trovato una storia di medio livello (da qui il voto).

  • User Icon

    Chiara

    14/10/2018 16:06:50

    Un distopico sensazionale.

  • User Icon

    Sarah

    22/09/2018 15:04:41

    Un libro davvero stupendo. Sono rimasta affascinata da questa distopia orribile e inquietante. Un mondo che si avvicina sempre di più, ahimè, alla realtà. Davvero sublime.

  • User Icon

    Dario Spagnolo

    20/09/2018 14:39:01

    Fahrenheit 451 è un romanzo distopico di straordinaria attualità. Un romanzo che dispiega, attraverso i tormenti del protagonista, la sensazione di profonda alienazione di chi si rende conto di aver sempre fatto parte di un meccanismo contorto e perverso, dal quale diviene impossibile prendere le distanze e,al tempo stesso, impossibile ormai da sostenere. è un romanzo che ricorda a tutti l'importanza della conoscenza e della cultura all'interno di una società e che ammonisce sulle conseguenze di un mondo che, distratto dalle banalità, finisce per collassare nell'inettitudine. Un mondo in cui gli uomini, del tutto inconsapevoli, si lasciano dominare come greggi di pecore indifese, senza alcuna resistenza. La lettura e molto scorrevole e incalzante , la consiglierei soprattutto agli amanti del distopico e della fantascienza , ma ritengo sia comunque una lettura irrinunciabile per gli amanti della letteratura moderna. Pietra miliare.

  • User Icon

    Vincenza

    20/09/2018 08:54:49

    Un must del genere distopico. L'ambientazione apocalittica e grottesca della società descritta è resa verosimile dal comportamento cinico, materialista e antisociale tipici della società contemporanea. Il tema della censura del pensiero libero, dei sentimenti e della natura umana mette in risalto la preponderanza della superficialità in un mondo in cui essere fragili ed essere umani è un atto sovversivo.

  • User Icon

    Domenico

    19/09/2018 17:45:19

    A cominciare dall’incipit tutto in questo breve romanzo colpisce l’attenzione, ogni dettaglio e ogni stranezza, ogni riflessione del protagonista e ogni incontro che fa. Mentre leggevo mi ritrovo a riflettere sulle stesse cose a cui pensava e mi sembrava di scoprire le cose per la prima volta come se mi trovassi io stessa in questo mondo distopico. Fra le righe si nasconde, ovviamente, un avvertimento di cui l’autore ha voluto farci dono: I libri sono stati pian piano vietati perché i più deboli sapevano e sanno ancora oggi che la conoscenza è potere. Distruggendone la fonte si elimina ogni ostacolo e il mondo può essere soggiogato. Di fronte alla distruzione della conoscenza anche i più forti possono venir meno, le opposizioni possono smembrarsi e tutto potrebbe sembrare perso, ma scopriamo che anche una sola persona può suscitare nuovamente coraggio e incitare all’azione.

  • User Icon

    Simone

    19/09/2018 15:43:18

    Un libro affascinante. Un libro che tocca un tema fondamentale nella letteratura, l'importanza della cultura e del pensiero libero nella società, e che credo ogni amante dei libri debba leggere almeno una volta nella vita. Un libro che ti apre gli occhi su una società malata, scritto inoltre con uno stile eccellente e mai pesante. Unica pecca: l'ho trovato un po' corto e la fine un po' frettolosa, come se fosse stato fermato forzatamente.

  • User Icon

    Serena

    19/09/2018 14:22:35

    Un mondo distopico in cui i vigili del fuoco hanno il compito di bruciare i libri (proprio a questo fa riferimento il titolo: indica la temperatura a cui brucia la carta). Il protagonista è Montag, un vigile del fuoco perfettamente inserito nel sistema, che inizierà però ad interrogarsi sul valore della letteratura e cercherà una via di fuga dalla terribile società di cui è schiavo. Ho apprezzato molto l’idea di base e anche la trovata di salvare i libri tramite la memoria. La riflessione sulla connessione tra censura del sapere e dei libri e potere assolutistico è davvero interessante. Tuttavia, credo che le idee della storia avrebbero potuto essere sviluppate meglio, in maniera più estesa. Inoltre lo stile, soprattutto in alcune parti, mi è sembrato eccessivamente artificioso. Resta comunque un romanzo che ogni appassionato di libri dovrebbe leggere.

  • User Icon

    PaoloS6

    18/09/2018 21:33:07

    Una lettura imprescindibile, poetica, bellissima. Un libro che ci fa pensare, che ci mette in guardia sul potere dei media e su tutti gli estremismi. Bradbury crea un capolavoro che, 65 anni fa, presagiva già la minaccia della manipolazione delle informazioni che poteva avere la televisione sulla società.

  • User Icon

    Arianna

    18/09/2018 21:21:56

    All'inizio difficile la seguire, ma poi prendi il ritmo e le pagine volano via in batter d'occhio. Una riflessione profonda ed incredibilmente attuale nonostante gli anni in cui sia stato scritto. Alle volte ti lascia persino dell'angoscia addosso riguardo a quello che è il mondo di oggi e quale sarà quello di domani. Ti ritrovi a pensare e a filosofeggiare sulla società, a guardarti attorno e a guardarti dentro. A chi ama i libri, a chi non può farne a meno lascerà un segno addosso. Un libro potente e prepotente che ti catapulta in un mondo distopico da cui ne esci con la speranza che non si avveri mai. Appena terminato sono corsa ad abbracciare i miei amati libri, a respirare l'odore e la libertà che da essi deriva!

  • User Icon

    Giupe

    18/09/2018 20:32:17

    Una distopia che parla di un mondo in cui i libri vengono distrutti da vigili del fuoco che appiccano fuochi invece di spegnerli è già di per sé un'idea geniale. Bradbury riesce a descrivere in maniera superba questa umanità esasperata dalle tv pareti e dalla necessità di portare la proprio vita la massimo per rifuggire al dolore e a tutti i sentimenti negativi. Ma il protagonista capisce che c'è qualcosa in quei libri di cui lui stesso si occupa di distruggere che può portarlo a recuperare un'umanità perduta. Forse solo il finale è un po' deludente, ma lascia aperta perlomeno una speranza.

  • User Icon

    mario

    18/09/2018 20:11:32

    Con la scrittura di questo romanzo l'autore , già allora, aveva capito in quale direzione stavamo procedendo. Infatti troviamo in questo capolavoro l'inno all'importanza della lettura, l'inno ai valori di libertà ed espressione. Viene sottolineata l'importanza di esprimere il proprio pensiero, di scambiarsi opinioni e di guardarsi negli occhi, anziché nutrirci passivamente delle cose di poco conto che ci propina la televisione, ad esempio. In questo caso , aveva estremizzato la situazione, ma di proposito voleva farci capire come potrebbe diventare una società che rinuncia alla propria espressione, al proprio pensiero. Sottolineava l'importanza della lettura , della conoscenza e del condividere ciò che si apprende e che ci appartiene

  • User Icon

    liberandoci

    18/09/2018 15:51:47

    Un libro che ha fatto la storia, uno di quelli che è nell’immaginario di qualsiasi lettore: Fahrenheit 451 di Ray Bradbury è questo e molto altro. Nella società dove tutto è controllato e nulla è lasciato al libero pensiero, Guy Montag, pompiere/incendiario di libri, incontra Clarisse Mc Clennan e grazie a lei, e a un’anziana che decide di morire per i suoi libri, si incuriosisce e inizia a leggere. La prospettiva cambia, come anche la vita di Guy Montag. Siamo di fronte a una riflessione acuta e aspra, soprattutto se si pensa che questo libro è stato scritto nel 1951. Una valutazione sul controllo che la società consumistica ha sulla mente dei cittadini. Un monito contro il pensiero unico che mass media come la televisione, e oggi Internet, hanno creato. Un atto d’amore per i libri e per la cultura. Uno di quei libri che non dovrebbero mancare in nessuna libreria!

  • User Icon

    Daniela

    18/09/2018 13:57:11

    Il concetto di alienazione è molto attuale. Si dovrebbe rileggere questo libro pensando agli effetti che ha l'abuso di cellulari o videogiochi. Interessante la storia di base, pur non essendo eccessivamente coinvolgente.

  • User Icon

    Edea

    18/09/2018 09:53:00

    Quando mi veniva proposta questa lettura durante il periodo scolastico, sia alle medie che al liceo, cercavo di evitarla il più possibile, in quanto mi sentivo in qualche modo intimorita da questo titolo. Solo oggi ho deciso di superare questo pregiudizio insensato, distruggendo quella inconscia barriera che mi separava da questa piccola perla. Che posso dire, questo libro mi ha semplicemente parlato al cuore, l'ho sentito così pieno di significato e riflessioni che già da ora necessito una rilettura per coglierne tutte le sfumature. Montag è un personaggio eccezionale, che l'autore è riuscito a costruire e caratterizzare in pochissime pagine, facendomi immedesimare così tanto in lui che potevo percepire, sulla mia stessa pelle, la sua rabbia, paura, angoscia o speranza. Su questo libro c'è tanto da scoprire, ed io sicuramente sono la prima a non aver compreso a fondo tutti i messaggi che l'autore ha inserito, ma consiglio con tutto il cuore di dare una possibilità a questo romanzo senza posticipare troppo la lettura, come ha fatto la sottoscritta.

  • User Icon

    Chiara

    18/09/2018 08:06:50

    Libro molto originale. Non è facile cogliere i significati nascosti che si celano fra le pagine. Potrebbe sembrare una storia assurda, eppure pensandoci, non è molto lontana dalla realtà. " Non c'è nulla di fantastico nei libri; la magia sta solo in ciò che essi dicono, nel modo in cui hanno cucito le pezze dell'universo per mettere insieme così un mantello di cui rivestirci." (cit. Fahrenheit 451)

  • User Icon

    Orsola

    18/09/2018 07:29:16

    “Fahrenheit 451” ci catapulta in una terribile realtà dove i libri sono banditi perché le persone non devono avere lo stimolo di conoscere, pensare e capire; l'unica cosa concessa è una sorta di intrattenimento pilotato, gestito attraverso schermi parlanti che fanno il lavaggio del cervello tramite insulsi show televisivi. Sono ben pochi quelli che ancora consevano una coscienza critica e la consapevolezza del libero pensiero, e sono costretti a nascondersi dai controllori, nella speranza che questi non vengano a bruciargli i pochi libri che ancora conservano. Considero questo capolavoro di Ray Bradbury una pietra miliare tra i libri distopici, brillante, visionario e terribilmente attuale.

  • User Icon

    Tower73

    21/03/2018 10:06:16

    Esco dal coro delle lidi sperticate a questo libro. Forse a causa di aspettative troppo alte, sono rimasto deluso. L'idea di partenza è fantastica, lo sviluppo no.

  • User Icon

    Mia

    26/01/2018 20:57:38

    Storia avvincente, ci si immedesima subito! Un libro consigliato per qualsiasi studente delle medie o superiori!

Vedi tutte le 23 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione