Famiglie comuniste. Ideologie e vita quotidiana nell'Italia degli anni '50

Maria Casalini

Editore: Il Mulino
Collana: Saggi
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 4 novembre 2010
Pagine: 333 p., Brossura
  • EAN: 9788815139450
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 22,10

€ 26,00

Risparmi € 3,90 (15%)

Venduto e spedito da IBS

22 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Parlare di "famiglia" con riferimento alla storia significa trovare un accesso privilegiato alla comprensione profonda delle radici e delle prospettive della politica e della società. Maria Casalini si è cimentata con questo tema, circoscrivendolo al Partito comunista e ai suoi militanti, quadri e dirigenti, senza però perdere il disegno d'insieme politico-istituzionale. D'altronde, a lungo, nel gergo degli studiosi si è parlato di "famiglie politiche", o ideologiche. In Italia questa locuzione si è sempre caricata di una valenza ulteriore, tenuto conto della propensione al familismo, risultato plurisecolare di un'altrettanto longeva latitanza dello stato, ancor più prima che dopo l'unità, specialmente al Sud. Ma il secondo dopoguerra ha segnato per molti aspetti un'epoca in cui si è fatto costante e massiccio ricorso al soggetto "famiglia" a scopi propagandistici e a fini di consenso elettorale. Il pensiero corre subito alla Democrazia cristiana, ma il Pci non fu da meno, e non solo per naturale reazione e necessità di competizione politica. Si tenga anzitutto conto del fatto che l'Italia scoprì solo nel 1946 il voto femminile, presentatosi come un'assoluta incognita. Si pensi poi a cosa significò per l'Italia il cosiddetto "miracolo economico", vero e proprio boom anche sul piano dei costumi e della vita quotidiana. Il libro si ferma sulla soglia degli anni sessanta, il decennio finale della "grande trasformazione" della società. Consente però di scavare dentro un Pci solitamente descritto come partito monolitico in virtù del suo ferreo centralismo democratico. Casalini parla di "identità multiple" e mostra con dovizia di documenti come nel partito crebbe nel corso degli anni cinquanta il divario tra uomini e donne e tra adulti e giovani. Fino alle premesse del Sessantotto. Danilo Breschi