Il Federalista n. 10 e n. 51 - James Madison - ebook

Il Federalista n. 10 e n. 51

James Madison

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: IBL Libri
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 84,19 KB
  • EAN: 9788864401836
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

I due saggi del "Federalista" qui riuniti sono il contributo più importante dato da James Madison al dibattito politico americano nella fase che condurrà all'approvazione della Costituzione. Nel "Federalista n. 10", apparso sul New York Packet il 23 novembre del 1787, Madison sostiene che un'unione ben realizzata avrebbe la possibilità di minimizzare lo spirito di fazione. Innanzi a cittadini che si organizzano per attività che minano i diritti altrui, è bene disporre di un ampio governo rappresentativo, invece che di democrazie popolari più facilmente destinate a farsi dominare da istinti demagogici e illiberali. Questo anche perché scelte economiche scellerate possono imporsi a livello locale, ma difficilmente saranno adottate su larga scala. Il "Federalista n. 51", apparso sul medesimo giornale l'8 febbraio 1788, in parte riprende quei temi ma evidenzia soprattutto la necessità di tutelare la libertà grazie a un sistema di pesi e contrappesi, che limiti l'ambizione di alcuni con quella di altri e che, separando accuratamente i distinti poteri, eviti l'imporsi di logiche dispotiche. James Madison (1751-1836) è stato uno dei Padri fondatori della Costituzione americana e - dal 1809 al 1817 - è stato il quarto presidente degli Stati Uniti. Sul piano teorico il suo nome è associato ai suoi vari testi riuniti nel Federalista, che include pure scritti di Alexander Hamilton e John Jay. Insieme a Thomas Jefferson, nel 1792 diede vita al partito "democratico-repubblicano", che dominò la politica americana per circa tre decenni.
| Vedi di più >
Note legali